Tag Archives : bambini

festa dello sport

FESTA DELLO SPORT A FOLIGNO

E’ in programma per il prossimo fine settimana, 23 e 24 settembre, La Festa dello Sport, a Foligno presso il Palasport di Foligno, piazzale Nazzareno Gubbini. Due giorni dedicati all’attività fisica ed ai suoi benefici, dove tutti si potranno cimentare nelle varie discipline e dare la possibilità ai più piccoli di avvicinarsi allo sport.

Festa dello sport: divertiamoci insieme

La festa dello sport è un’opportunità da cogliere se state pensando ad una disciplina sportiva per l’inverno, per voi e per i vostri figli, ma non avete ancora deciso quale. Le varie associazioni sportive presenti sapranno fornirvi i consigli giusti e rispondere alle vostre domande, perché fare sport è una scelta sana che tutti dovremmo fare.

Tanti gli appuntamenti dedicati al nuoto, presso la Piscina Comunale, con lezioni di fitness, prove di triathlon (anche per bambini) e prova di corso di nuoto con valutazione del livello per i più piccoli, sia sabato dalle ore 15:00 alle ore 19:00, sia la domenica dalle ore 10:00 alle ore 13:00.

La Festa dello sport è anche l’occasione per assistere a gare ed esibizioni entusiasmanti:

  • spettacolo di danza contemporanea, sabato 23 alle ore 17:00.
  • gara di pallamano, sabato 23 alle ore 18:00.
  • patita di calcio a 5, domenica 24 alle ore 10:30.
  • gara di basket, domenica 24 alle ore 18:00.

e tanto altro ancora: per tutte le info potete contattare la Segreteria del Palasport al numero 0742 77 00 30, scrivere all’indirizzo palasport@arielcoop.it e restare connessi su Fb.

Nel corso delle due giornate ci saranno anche tanti appuntamenti di animazione e musica e quest’anno non perdetevi domenica 24 settembre ore 15:00, Holi on tour, colori e musica ne I COLORI DELL’AMORE.


Continue Reading
acaro

ALLERGIA ALL’ACARO: CAUSE, SINTOMI E RIMEDI

Le allergie indoor sono quelle allergie provocate da allergeni presenti nell’ambiente domestico, come il pelo degli animali, le muffe, la polvere. Tra queste di sicuro la più diffusa è l’allergia all’acaro.

COSE’ L’ACARO?

L’acaro è un microrganismo invisibile a occhio nudo, somigliante a un piccolissimo ragno, che vive quasi esclusivamente nei letti, materassi, cuscini e piumoni. Si nutre delle scaglie di pelle e della forfora che si stacca dal nostro corpo ed è in grado di riprodursi così velocemente, da invadere il letto e i suoi tessuti in pochissimo tempo. Se provate a colpire il materasso in controluce, avrete subito un’idea di quanti allergeni trattiene e considerate che il visibile è solo una piccola parte. L’allergia all’acaro, oltre ad essere la più diffusa, è quella che rappresenta il maggior fattore di rischio per lo sviluppo dell’asma.

I SINTOMI DELL’ALLERGIA ALL’ACARO

  • Starnuti a raffica
  • Naso chiuso e tosse inspiegabile, specialmente al risveglio
  • Bruciore agli occhi e leggero gonfiore delle palpebre
  • Dermatite

Quando uno o più di questi sintomi o addirittura tutti, si presenta per un periodo che va oltre le due settimane e non ha altra causa apparente, è lecito sospettare l’esistenza di un’allergia all’acaro.

COME CI SI DIFENDE?

L’allergia all’acaro, nonostante la diffusione e il fastidio che reca, si può e si deve controllare. L’allergene dell’acaro non vive nell’ambiente e nell’aria, bensì all’interno di materassi, cuscini, piumini e trapunte. L’utilizzo di biancheria da letto antiacaro è fondamentale per ridurre la dispersione degli allergeni dell’acaro della polvere nell’ambiente domestico.

L’utilizzo di copri materassi, fodere e biancheria anti acaro, riduce più del 95% l’esposizione agli allergeni, con benefici che aumentano man mano che i dispositivi di protezione si utilizzano nel tempo. Per saperne di più, abbiamo fatto una chiacchierata con un esperto Allergosystem, leader nella produzione di sistemi di protezione anti-acaro. Ecco cosa abbiamo scoperto.

“Ogni terapia antiallergica, ha come presupposto di base la riduzione dell’esposizione all’allergene, in questo caso all’acaro della polvere: ecco perché è così importante proteggere il proprio letto con copri materassi, federe e copri piumini. La prevenzione inizia da qui.

Una copertura antiacaro efficace deve però avere alcune caratteristiche: trama molto fitta ma traspirante; capacità di avvolgere completamente il materasso/cuscino/piumone ed essere lavabile ad una temperatura di almeno 60° per eliminare gli allergeni dell’acaro della polvere. L’efficacia della biancheria da letto antiacaro è da ricercare nella fitta tramatura del tessuto che fa in modo di trattenere gli allergeni al suo interno.

I prodotti Allergosystem hanno tutte queste qualità e sono certificati dai principali istituti Europei. Allergosystem offre una vasta gamma di prodotti, tutti estremamente curati, per garantire la massima protezione.

Facile è anche la loro manutenzione, essendo lavabili in lavatrice anche a 95°; tuttavia se ne consiglia il lavaggio massimo due volte l’anno. Le coperture antiacaro possono essere lavate anche più di due volte l’anno, ma è utile tenere presente che ogni volta che si sfoderano coprimaterassi, copricuscini e copripiumini tutti gli allergeni contenuti al loro interno si liberano nell’ambiente, quindi è bene tenere arieggiato la stanza più tempo possibile.

La copertura antiacaro va utilizzata sempre e, nel caso di camere con più letti, si consiglia di utilizzarla per tutti, anche se il componente della famiglia che soffre di allergia è uno soltanto: questo perché gli allergeni che escono dagli altri letti entrano subito in contatto con la persona allergica. Per questo motivo Allergosystem ha composto dei set famiglia, con dei prezzi vantaggiosi ed anche dei completi adatti per quando si viaggia o si è in vacanza. Tutti i prodotti Allergosystem sono realizzati in Italia e offrono una garanzia anti-acaro che arriva fino a 20 anni.


Continue Reading
Festival di Fàvolà

BENVENUTI AL FESTIVAL DI FÀVOLÀ

Da venerdì 8 a martedì 12 settembre a Norcia si terrà il Festival di Fàvolà in omaggio alle grandi fiabe e alla letteratura classica per bambini e ragazzi. Un evento che in quest’edizione ha toccato tutti i luoghi colpiti lo scorso anno dal terremoto e che avrà come protagonista Pinocchio, il burattino più famoso di tutti i tempi. Un lungo week end di appuntamenti tra letteratura, arte e attività creative e ludiche.

Cosa potete fare al Festival di Fàvolà

Visitare la mostra di Pinocchio e ripercorrere la sua storia

Storia di un burattino e di un terremoto. Ci si può immergere nei vari capitoli della fiaba ammirando i grandi pannelli in legno realizzati da Giancarlo Bucci, riprendendo le illustrazioni di Jacovitti e, stanza dopo stanza, si può conoscere Carlo Collodi e i suoi libri; lasciarsi sorprendere da centinaia di francobolli da tutto il mondo dedicati a Pinocchio e ancora curiosare tra cinema, tv e musica.

Scoprire il teatro e le sue marionette

Marionette e burattini di tutti i tipi, pezzi artigianali, unici e poi tante creazioni in legno e il fascino di un vero teatro in miniatura.

Immergersi nei libri 

Testi che raccontano da anni la storia di un burattino di legno. Ne troverete di tutti i tipi, grandi, in miniatura, antiche e recenti edizioni e tra le pubblicazioni italiane più belle.

Perdervi nel Paese dei Balocchi

Pinocchio di ogni foggia e materiale, legno, plastica, oggettistica e curiosità, una gioia tutta da guardare.

Pinocchio in Piazza

La compagnia teatrale Inscenare di Grottamare, il 9 settembre alle ore 11:00, interpreterà un estratto del Libro con alcuni personaggi che prenderanno magicamente vita.

Messo in scena dalla Compagnia del Gran Teatro di Livorno, sempre il 9 settembre, ma alle ore 17:30, potrete assistere ad uno spettacolo di marionette e burattini con delle sceneggiature molto speciali.

Domenica 10 settembre alle ore 17:30, in un vero e proprio teatro di burattini, una versione esilarante della storia, al termine del quale zucchero filato per tutti.

Partecipare ai laboratori

Pinocchio in rima – venerdì 8 settembre, ore 19:00

Disegna Pinocchio – lunedì 11 settembre, ore 18:00

Inoltre vi segnaliamo il gioco a premi Disegna con Pinocchio. Basterà consegnare allo staff della mostra un disegno colorato riferito alla fiaba di Pinocchio e scrivere sul retro il nome del bambino e un riferimento telefonico (mamma o papà) per poter vincere ingressi gratuiti per visitare il bellissimo parco di Collodi. I disegni potranno anche essere eseguiti sul posto durante i vari laboratori.
Alla consegna vi verrà chiesto di compilare una liberatoria e in cambio verrà subito regalata una copia di Pinocchio nel paese degli enigmi. Al termine del festival una giuria selezionerà i disegni vincitori.

Nel corso della giornata del 10 settembre alle ore 11:00, infine, potrete incontrare addirittura Pinocchio, o meglio, chi lo impersonò nel capolavoro di Collodi che andò in onda per la prima volta nel 1972. Un ragazzino che oggi è un uomo, ma che è rimasto strettamente legato a quel simpatico burattino.

Tutti gli eventi, spettacoli e laboratori sono completamente gratuiti.


Continue Reading
Figuratevi

FIGURATEVI…IL FESTIVAL DEDICATO AI BAMBINI

Torna anche questa estate un appuntamento imperdibile per i bambini e le loro famiglie a Perugia: Figuratevi… di essere bambini. Il festival internazionale delle figure animate, giunto quest’anno alla sua trentesima edizione, inizierà il 24 di agosto, con un’anteprima in centro, per poi proseguire fino al 27 presso il percorso verde di Pian di Massiano. Come ogni anno, Figuratevi propone spettacoli di vario genere, laboratori, momenti musicali e tanto altro ancora. Ma vediamo insieme qualche chicca dal programma che gli amici di Figuratevi hanno preparato per noi!

Figuratevi: il programma

24 Agosto – Perugia centro

Presso il centro storico, a corso Vannucci, dalle ore 17:00 si terranno diversi spettacoli: di burattini, itineranti, di pupazzi. Vi suggereriamo di non perdere lo spettacolo finale: E voila nel tuo cielo volerà. Si tratta di uno spettacolo di palloni, musiche e trampolieri.

25 -26-27 Agosto – Area Verde Pian di Massiano

A Pian di Massiano va in scena la parte più ‘succosa’ di Figuratevi.

Ogni giorno i bambini potranno scegliere tra tantissime diverse iniziative. Tutti i giorni ci saranno tre spettacoli diversi (di marionette, con attori, di burattini, ecc…) alle ore 17:30, alle ore 18:30 e alle ore 21:15. I laboratori saranno tantissimi: di fumetti, di origami, scientifici, di yoga, di burattini, di arti visive e tanti altri ancora. Ogni giorno i laboratori si terranno dalle ore 16:30 alle ore 19:30/20:00 a seconda del tipo; alcuni sono divisi per età. Nello stesso orario sarà possibile anche partecipare a numerosi giochi educativi volti a stimolare i bambini su temi legati all’intercultura, all’ambiente, alla salute. Presenti anche giochi e dimostrazioni sulla sicurezza: come Pompieropoli o i giochi di educazione stradale. La biblioteca itinerante del Comune di Perugia, il Bibliobus, sarà presente per tutto il festival e ci saranno anche altri momenti di legati alla lettura, come Fiaba Dolce Fabia.

E per finire, non dimentichiamo le dimostrazioni sportive, dal tennis alla ginnastica ritmica. In più ci sarà il tradizionale mercatino dei ragazzi, in cui i bambini possono proporre in vendita vecchi giochi o oggetti creati da loro.

Allora: siete pronti per un weekend in cui Figurarvi di essere bambini?


Continue Reading
Ferragosto in Umbria

IDEE PER FERRAGOSTO IN UMBRIA

Per tutti quelli che per le ferie devono attendere ancora un pò, per chi già le ha fatte e per chi invece non può partire: occorre qualche idea per passare il Ferragosto! Ma niente paura, perché chi vuol trascorrere Ferragosto in Umbria può scegliere tra molte opportunità, per tutti i gusti e per tutte le tasche.

COSA FARE A FERRAGOSTO IN UMBRIA

Visitare il lago Trasimeno e le sue isole

Potete regalarvi un’escursione naturalistica all’Isola Polvese o una più monumentale e anche mondana all’Isola Maggiore. L’imbarco per l’Isola Polvese è al molo di San Feliciano mentre per l’Isola Maggiore ci si può imbarcare da Passignano, Castiglion del Lago e Tuoro. Vi consigliamo scarpe comode e fascia porta bebè visto che alcuni tratti escursionistici delle isole non sono facilmente percorribili con i passeggini.

Visitare il lago significa anche fermarsi tra i suoi borghi, Corciano, Panicale, Castiglion del Lago, per la XXXX edizione della Rassegna Internazionale del Folklore e per il Capodanno d’Estate in programma la sera del 14 agosto, con spettacolo pirotecnico a partire dalla mezzanotte. Senza dimenticare Città della Pieve, dove è in corso in quei giorni Il Palio dei Terzieriuna rievocazione storica in costume molto suggestiva e che attira ogni anno moltissimi turisti. E’ prevista proprio per il 15 di agosto, l’appuntamento clou della manifestazione, Il lancio della sfida, ma nel corso di tutta la manifestazione si potrà assistere a spettacoli e duelli in costume, visitare le botteghe artigiane e il mercato rinascimentale.

Cultura, musica e buon cibo

Di feste paesane ce ne sono praticamente in ogni angolo della regione. Vi diamo qualche spunto, segnalandovi le più particolari, per un Ferragosto in Umbria davvero per tutti i gusti.

A Corciano, dal 5 al 20 agosto, è tempo di Corciano Festival, una rievocazione storica che si ripete ogni anno e che vede proprio nella giornata del 15 agosto la sfilata in costume del corteo storico del Gonfalone.

Festa di San Bartolomeo (Foligno), che per il 15 agosto organizza passeggiata con colazione sulle colline e pranzo di Ferragosto presso il bosco del Convento.

Ferragosto a Quadrelli (Terni), un paese che per l’intera settimana del Ferragosto, propone il miglior folklore umbro con un programma molto ricco per il visitatore e carico di atmosfera.

Finisce il 13 agosto ad Amelia (Terni), Il Palio dei colombi, una rievocazione medievale nella magica atmosfera di questo borgo.

A Massa Martana, Festa del Gelato, dal 6 al 15 agosto e notte bianca il 14 agosto.

Nello splendido borgo di Torgiano, 34esima edizione dei Vinarelli, con spettacoli musicali e taverne aperte per il borgo.

Piscine, acqua park e parchi avventura

Speriamo in un caldo Ferragosto e in questo caso un’ottima idea sarebbe passare la giornata in una delle piscine o degli Acquapark della Regione.

Se invece siete degli amanti dell’aria di montagna, allora i Parchi Avventura (Activo Park a Scheggino, Parco Avventura al Lago di Fiastra e Frasassi Avventura) fanno al caso vostro. Per chi invece vuole un’esperienza naturalistica tra gli animali c’è il Leo Wild Park a Todi, che per la giornata del 15 agosto sarà aperto in open day, mentre il 13 e il 14 e il 19 e 20 agosto, su prenotazione.

Scoprire la cascata delle Marmore

Per tutto il week end di Ferragosto e per i giorni 15 e 16 agosto, il Parco rimarrà aperto dalle ore 09:00 alle ore 22:00 e l’apertura delle acque della cascata sarà dalle ore 10:00 alle ore 13:00 e dalle ore 15:00 alle ore 22:00.

Potete scegliere tra due tipologie di visite:

La cascata in 100 passi – Visita breve della durata di 30 min circa, su un percorso corto e facile. Adatto a chi ha bambini piccoli, perché fornisce un’idea comunque completa di questa bellezza regionale, ma in poco tempo e senza stancare. Consultate qui il calendario degli orari.

I segreti del parco – Si parte dal Belvedere inferiore per addentrarsi all’interno del Parco e scoprire le caratteristiche più curiose ed interessanti di flora e fauna che vi abitano. La passeggiata ha la durata di 1 h e 30 min. circa ed è consigliata per chi ha bambini più grandicelli, visto la lunghezza, pendenza e discontinuità del percorso. E’ consigliato abbigliamento comodo e scarpe da trekking. Qui gli orari.


Continue Reading
cocktail per tutti

COCKTAIL PER TUTTI

L’estate è di sicuro la stagione che più si presta alle uscite con gli amici. Il clima, la spensieratezza che caratterizza questo periodo e magari qualche giorno di ferie dal lavoro, fanno moltiplicare cene in compagnia, aperitivi o dopo cena all’aperto. Non serve andare lontano e dar fondo ai propri risparmi, una cena sul terrazzo è sufficiente perché sia subito vacanza.

Se siete a corto di idea per il menù, potete puntare sul finger food, facile, veloce e gustoso o su delle tradizionali ricette rivisitate in versione light.

E perché non accompagnare tutto con qualche cocktail sfizioso? Se lo farete voi, potrete scegliere i gusti che più vi piacciono e preparare qualcosa di analcolico anche per i più piccoli.

COCKTAIL ANALCOLICI

La base per un cocktail analcolico è senza dubbio la frutta fresca che in questo periodo abbonda in varietà. Vi consigliamo tra tutti i gusti, l’ananas, rinfrescante e leggero, il succo d’arancia e il succo di limone, dal sapore acidulo ma dissetante; per i bambini, che non sempre amano i gusti aspri, banana e cocomero.

Per preparare un cocktail analcolico, oltre allo sciroppo di frutta o alla frutta a pezzetti, occorre aggiungere acqua (meglio se tonica), o granita; per i più piccoli perfetto da aggiungere alla frutta a pezzetti è il succo di arancia. Frullate tutto nel mixer o nell’apposito Shaker, e il cocktail è fatto. Se poi avete tutti gli accessori, potete  filtrare con il colino per eliminare quei filamenti di frutta che possono non piacere.

COCKTAIL ALCOLICI

Qui c’è da sbizzarrirsi, perché le varianti sono tante e di tutte le gradazioni. Noi vi diamo qualche spunto.

APEROL SPRITZ

Oramai è un’istituzione. Lo conoscono tutti e lo servono praticamente dappertutto. Gli ingredienti sono Aperol, soda e qualche cubetto di ghiaccio. Mescolate con un cucchiaino o una cannuccia e completate con una fettina di arancia per aromatizzare e zucchero semolato da passare sul bordo del bicchiere, che decora e ne esalta il gusto.

BELLINI

É un long drink molto amato e non troppo alcolico. Un modo diverso per sorseggiare le bollicine. Gli ingredienti sono succo di pesca e prosecco o champagne. Se potete ancor meglio sarebbe usare la pesca fresca, frullata e filtrata con un colino a maglie molto strette. La proporzione è di 1/3 tra prosecco e frutta. Il Bellini va servito rigorosamente nel flute.

ROSSINI

L’ingrediente base è sempre spumante secco, prosecco o champagne, basta utilizzare la fragola al posto della pesca.

Per il Bellini e il Rossini, sia la frutta che  il suo succo che lo spumante, devono essere già freschi al momento della preparazione del cocktail e devono essere subito serviti. É sconsigliato aggiungere cubetti di ghiaccio che ne altererebbero il sapore.


Continue Reading
L'oro dei Molini

L’ORO DEI MOLINI, DALLA TERRA IL PANE

Da venerdì 4 a domenica 8 agosto a Molini di Sellano (Pg), si celebra il grano, da sempre la materia prima più preziosa per il sostentamento della popolazione, con la manifestazione L’Oro dei Molini, dalla terra il pane.

L’Oro dei Molini con i bambini

Nel corso di tutto il week end, si potrà assistere a tutte le fasi di lavorazione del grano: mietitura, trebbiatura, molitura e panificazione e ci si potrà immergere nel modo rurale del 900, nei mestieri e nelle tradizioni popolari contadine.

Le attività principali si svolgeranno nelle giornate di sabato e domenica.

Sabato 5 agosto e domenica 6 agosto, dalle ore 11:00, potrete gustarvi una PASSEGGIATA IN CARROZZA per le vie del paese e per i più piccoli PASSEGGIATE CON GLI ASINELLI.

Potrete visitare la mostra dei mestieri, degli attrezzi e degli oggetti del MONDO RURALE DEL 900, oppure IL PICCOLO MONDO ANTICO, esposizione di oggetti dell’epoca in miniatura.

Ed infine assistere alla rappresentazione di SCENE DI VITA QUOTIDIANA CONTADINA.

Non mancate poi una visita al vecchio mulino di Orsano: saranno organizzate delle visite guidate e per adulti e bambini il laboratorio IMPARIAMO A FARE IL PANE; sicuramente una bella occasione per passare del tempo con i propri figli e riscoprire i segreti del “cibo per eccellenza” alla base della nostra alimentazione.

Saranno allestiti infine degli stand gastronomici aperti sia a pranzo che a cena e un mercatino di prodotti tipici e artigianali per le vie del paese.

Per ulteriori informazioni potete scrivere alla mail procamorro.orsano@libero.it o chiamare direttamente il numero 327 95 11 027.


Continue Reading
piscina in giardino

AFA ESTIVA? METTI UNA PISCINA IN GIARDINO

Quando il caldo si fa insopportabile, ma non potete rinfrescarvi con una gita al mare, in montagna o al lago, la piscina è di sicuro un’ottima alternativa. Già vi abbiamo parlato delle piscine e degli Acqua-park che potete trovare qui in Umbria, ma se siete tra quei fortunati che hanno uno spazio esterno a casa, sufficientemente ampio, ottima è l’idea di istallare una piscina in giardino, per avere una piccola oasi di relax e la dose quotidiana di refrigerio, proprio a portata di mano.

Piscina in giardino

Una vera comodità se si hanno bambini. Potete passarci le calde giornate dei week end o organizzarci addirittura un compleanno o una festa d’estate: nessuno dirà di no ad un invito in piscina e sarà come ritagliarsi una piccola vacanza in giardino.

Le piscine da giardino ne esistono di tanti tipi, dalle più complesse e costose, che richiedono professionalità nell’istallazione e una manutenzione accurata, a quelle fuori terra sicuramente più semplici da gestire; o addirittura alle piscine gonfiabili, acquistabili con pochi euro, con un montaggio semplice e una manutenzione alla portata di tutti. Basterà scegliere in base alle proprie esigenze e all’età dei bambini e non dimenticare mai la parola d’ordine: sicurezza, perché scegliere consapevolmente è molto importante quando riguarda i più piccoli.

La piscina in giardino più usata

Le piscine per bambini più usate sono quelle pieghevoli e quelle gonfiabili; vanno benissimo per piccoli spazi e per essere usate sia per rinfrescarsi che per piccoli giochi, più che per nuotare. Da evitare in questi casi il tuffo, perché la leggerezza dei materiali e la stabilità non ottimale potrebbero far ribaltare la piscina stessa e causare incidenti. Tra le piscine gonfiabili, ne esistono dei modelli molto carini e divertenti, capaci di accogliere anche più bambini. Modelli con scivolo e giochi d’acqua. Per i più piccoli sono perfette le piscine gonfiabili con coperture e paraventi, per proteggerli dal sole.

Le piscine pieghevoli invece sono in genere molto basiche ed anche il loro costo è contenuto. Le dimensioni non sono mai grandi: basti pensare che la piscina pieghevole, una volta che si è finito di usarla, si chiude in una praticissima sacca per essere trasportata da un luogo a un altro (ad esempio è perfetta per essere portata in spiaggia e far giocare i piccolissimi sotto l’ombrellone).

Sia per le piscine gonfiabili che per le pieghevoli, gli esperti del settore consigliano di cambiare l’acqua ad ogni utilizzo.

Piscina in giardino fuori terra

Se si cerca invece una soluzione più complessa, da installare e non rimuovere più per tutta la stagione estiva, allora si può optare per una piscina fuori terra. Anche qui ne esistono di diversi tipi e altrettanti prezzi. Si parte da un’altezza di 70 cm circa, per arrivare anche a 1 metro e 30 ed oltre. In questo caso oltre alla piscina, sarà necessario munirsi di filtro per l’acqua e di prodotti per il suo trattamento. Per il corretto mantenimento di un’acqua sana e pulita sarà necessario anche pulire con regolarità le pareti della piscina, le cartucce ed il filtro stesso.

Sia che si opti per una piscina gonfiabile o pieghevole, sia che si preferisca una soluzione più complessa, importante è scegliere bene il piano dove poggiarla, utilizzando teli o tappetini, nel caso in cui si tratti di pavimento scivoloso o dal fondo irregolare.

É importante scegliere anche un luogo lontano da spigoli, finestre e altre zone pericolose che potrebbero minare la sicurezza dei nostri bambini.

Lasciare infine che la temperatura dell’acqua raggiunga un livello piacevole prima di immergersi e poi a tutti un BUON BAGNO!!!


Continue Reading
contorno croccante

IL CONTORNO CROCCANTE

Riuscire a far mangiare la verdura ai bambini, a volte si rivela una vera e propria impresa! Ora che con il caldo estivo il minestrone non è di sicuro un piatto che attira, vi diamo qualche suggerimento per un contorno croccante, estivo, facile e gustoso: a prova di bimbo!

CONTORNO CROCCANTE: LE RICETTE

Zucchine e carote panate

Cosa serve:

  • 2 zucchine e 2 carote
  • 5 cucchiai di pangrattato
  • aglio e olio q.b.

Come si fa:

  1. Pulire e tagliare a rondelle o a cubetti le carote e le zucchine
  2. Far rosolare in una padella uno spicchio d’aglio con un pò di olio
  3. Aggiungere carote e zucchine e far cuocere a fiamma vivace fino a che le carote non si saranno leggermente ammorbidite e le zucchine dorate.
  4. Togliere lo spicchio d’aglio e aggiungere il pangrattato continuando a mescolare

Bastoncini arcobaleno

Cosa serve:

  • 2 patate
  • 2 carote
  • 2 zucchine e se c’è qualche adulto che gradisce, 1 peperone rosso e 1 peperone giallo.
  • pangrattato
  • parmigiano
  • olio e sale q.b.

Come si fa:

  1. Lavare e tagliare a listelline tutte le verdure
  2. Rivestire una teglia da forno con l’apposita carta, versare le verdure e condire con olio e sale.
  3. Spolverare con metà del pangrattato e del parmigiano
  4. Infornare a 180° per 20 minuti circa
  5. Cospargete le verdure con il restante pangrattato e parmigiano e ultimate la cottura per 15 minuti circa, fino a quando l’aspetto non sarà dorato e croccante.

Finta pizza

Cosa serve:

  • 2 zucchine bianche tonde
  • 150 g di passata di podoro
  • 100 g di mozzarella
  • olive nere
  • olio, sale q.b.

Come si fa:

  1. Lavare le zucchine e tagliarle a fette spesse 1 cm circa
  2. Passarle al grill per qualche minuto o lessarle leggermente.
  3. Ricoprite con l’apposita carta la teglia da forno.
  4. Adagiate le zucchine e cospargete ogni fetta con passata di pomodoro
  5. Guarnite con cubetti di mozzarella, olive o quello che più vi piace.
  6. Infornate per 10 minuti circa in forno preriscaldato a 200.

Continue Reading
Civita di Bagnoregio

CIVITA DI BAGNOREGIO: “LA CITTA’ CHE MUORE”

Continua il nostro viaggio tra i borghi più belli del nostro paese. Oggi parliamo di Civita di Bagnoregio, in provincia di Viterbo: un angolo di paradiso dove il tempo sembra essersi fermato e dove potrete godere di un atmosfera veramente surreale. Da sempre conosciuta come la città che muore, è situata sulla vetta di un colle formato da tufo e argilla: un terreno in continua erosione che porta la cittadella a scendere inesorabilmente di altura.

Inviata speciale per questa gita fuori porta (ma ad un passo da qui) è Valentina, una mamma umbra, che insieme alla sua famiglia ha deciso di passarci una giornata di festa: seguiamola nel suo tour e scopriamo insieme a lei questo bellissimo borgo.

Civita di Bagnoregio: il racconto di Valentina

“Civita di Bagnoregio è un piccolissimo borgo, abitato da una manciata di persone, raggiungibile solo a piedi, percorrendo un lungo ponte, particolarmente ripido nel suo tratto finale. Il ponte è percorribile con i passeggini, ma un pò di fatica mettetela in conto e a tutti consiglio bottigliette d’acqua e scarpe comode.

Potete lasciare l’auto in uno dei parcheggi di Bagnoregio e da li proseguire a piedi. La zona del Belvedere è in assoluto la più vicina dove poter parcheggiare.

L’ingresso al borgo è a pagamento per gli adulti € 1,50 mentre gratis per i bambini. Insieme al biglietto d’ingresso è possibile acquistare anche un ticket degustazione per assaggiare le specialità culinarie locali.

Lo storico arco vi da il benvenuto, dopodiché il paesino è un reticolato di vicoli, cortili e piazzette, tutte da scoprire perché Civita di Bagnoregio è un vero museo a cielo aperto, un luogo suggestivo da dove poter ammirare panorami mozzafiato. Se seguite la via principale, arriverete velocemente alla piazza più grande, dove potrete ammirare la chiesa di San Donato che è visitabile al suo interno.

Merita di sicuro un passaggio la Grotta di San Bonaventura, di origine etrusca, dove si dice che il piccolo San Bonaventura fu miracolato da una malattia incurabile, proprio da San Francesco. Poi potrete gustarvi un pasto speciale in uno dei deliziosi ristorantini o perdervi in qualche negozio di souvenir. Potete dare alla visita l’aspetto che più vi piace: storico, naturalistico, culinario e goliardico.

Civita di Bagnoregio ha tante facce, tutte bellissime e a noi non è sembrata affatto una città che muore”.

Vuoi far parte anche te del team di Umbria for Mummy? Contattaci tramite la nostra pagina Fb o scrivici a info@umbriaformummy.com e dicci quale luogo o itinerario ti piacerebbe raccontare ad altre mamme come te!


Continue Reading