Speciale Denim OVS - Scopri l'offerta

Tag Archives : cucina

pinzimonio

COME FARE IL PINZIMONIO

Fare il pinzimonio è facilissimo penseranno molti di voi, bastano delle verdure e un pò di pazienza per tagliarle a listelline ed il gioco è fatto, o meglio, il piatto è pronto.

Beh non è proprio così! Proprio perché il pinzimonio è un insieme di verdure non cotte, la loro freschezza, il taglio e i condimenti, devono essere pressoché perfetti, semplici ma di qualità, per fare un piatto leggero, gustoso e  sano.

FARE IL PINZIMONIO: PERCHE’ ?

In estate la voglia di alimenti freschi e leggeri aumenta sempre. Sia per il caldo, sia perché ci teniamo ad essere in forma per la prova costume e ad avere uno stile di vita e un’alimentazione sana, sia perché è proprio il gusto dei cibi freschi e poco elaborati ad attirarci. Il pinzimonio per questo è un piatto perfetto da portare in tavola e, colorato e con le salse giuste, piacerà anche ai bambini, sempre un pò scettici quando si tratta di verdure.

PREPARARE IL PINZIMONIO: COSA VI SERVE

Il pinzimonio è un piatto che ha per protagonista le verdure, di tutti i tipi, purché fresche e crude. In genere nel pinzimonio non possono mai mancare: carote, sedano, cetrioli, peperoni rossi e gialli, ravanelli, finocchi; ma potete anche provare qualche tipo di pomodoro, ciliegini o datterini e anche qualche insalata, come il radicchio e i cipollotti.

Le verdure devono essere freschissime e tenere perché il pinzimonio deve risultare croccante e gustoso. Vanno tagliate a listelline o cubetti o comunque di una dimensione adatta per essere intinti nelle salse.

CONDIRE IL PINZIMONIO: LE SALSE

Salsa classica – Olio, sale e pepe.

Salsa arricchita – Olio, sale, pepe, aceto, capperi e acciughe tritate.

Salsa allo yogurt – Yogurt greco, sale, pepe, aceto, un pò di aglio grattugiato.

Salsa alle erbe aromatiche – Frullare un mazzetto di erbe aromatiche a piacimento secondo il gusto,        unire qualche cucchiaio d’olio, sale e pepe.

Salsa di soiaTre cucchiai di Soia e un cucchiaino di miele.

Salsa al curry – Yogurt bianco, cucchiaio di curry, qualche fettina di cipolla tritata e un pizzico di sale.

Il consiglio in più: servi il pinzimonio non appena preparato per farlo rimanere croccante e le salse non si ossidino

Altre idee per piatti freschi e gustosi? Prova le nostre insalate estive e l’immancabile panzanella.


Continue Reading
Festa del Papà in Umbria

FESTA DEL PAPÀ IN UMBRIA

Vi serve qualche idea per festeggiare la Festa del Papà in Umbria?

Quest’anno con il week end vicino, si può approfittare di qualche giorno in più per festeggiare con il papà. Ecco qualche spunto per rendere la giornata speciale.

La festa del papà ricorre come sappiamo il 19 marzo, giorno in cui si festeggia anche San Giuseppe, protettore dei falegnami e degli artigiani, e padre di Gesù che veste la festa di connotati religiosi. La festa del papà, però, è anche un insieme di tradizioni e usi consolidati, anche culinari, per dire Ti voglio bene a tutti i nostri papà, magari approfittando della giornata per passare del tempo extra insieme.

FESTA DEL PAPÀ’ IN UMBRIA: COSA FARE?

PARTECIPARE AD UN LABORATORIO INSIEME

Sabato 17 marzo, ore 17:00

Presso lo Spazio Nati per Leggere, Scuola Infanzia di Spello, Viale Poeta, lettura e laboratorio PAPÀ PORTAMI IN BIBLIOTECA.

Domenica 18 marzo, ore 16:30

Al Centro della scienza POST di Perugia, si festeggia il papà con due laboratori divisi per fasce d’eta.

Per bambini da 3 a 6 anni per realizzare insieme un robot artista di scarabocchi.
Per bambini da 7 a 11 anni, si esplora insieme ai papà il mondo del coding e della robotica, costruendo e programmando piccoli robot. Il costo dei laboratori è pari a € 10,00 con papà “obbligatorio” e gratuito. Durata: dalle ore 16.30 alle ore 18.30.

VISITARE UN  MUSEO

A Perugia, la Galleria Nazionale dell’Umbria, il 19 marzo è aperta per tutta la giornata e potete prenotare un mini-tour formato famiglia.

In Provincia di Terni, ad Amelia, ci sentiamo invece di consigliarvi il Museo Archeologico e l’ Archeospazio.

Tutti i musei del Circuito Sistema Musei, inoltre, danno la possibilità di visite a misura di bambino mediante il KIT MUSEO FAI DA TE, che rende particolarmente coinvolgente la visita.

Se papà e bambino sono amanti dei Dinosauri, non dimenticatevi EXTICTION, a Gubbio, anche se in questo caso dovrete approfittare del week end per visitarla.

PREPARARE LE FRITTELLE

Sono il dolce tipico per eccellenza. Frittelle di riso, spolverate di zucchero, una golosità che non può mancare per festeggiare il papà. La ricetta? Qui trovate la versione originale, ma curiosando qua e la ne esistono altre più semplici, adatte per cucinare tutti insieme.

ASSISTERE AD UNO SPETTACOLO A TEATRO

Approfittate della domenica precedente per uno spettacolo per tutta la famiglia.

A Todi, presso il Teatro Comunale alle ore 17:00, I FIORI DEL TEMPO.

A Perugia, presso il Teatro Tieffeu alle ore 17:30, CANTASTORIE.

VISITARE CIOCCOLANDO 2018

La festa del cioccolato artigianale è a Montepulciano (Si), ma ne vale la pena far qualche chilometro per passare una giornata a tutta dolcezza e visitare insieme il bellissimo borgo toscano. Gli stand sono aperti dalle ore 09:00 alle ore 20:00.


Continue Reading
San Martino

SAN MARTINO IN UMBRIA 2017

La conoscete la storia di San Martino? Il cavaliere che viene ricordato ogni anno l’11 novembre, per un gesto di carità compiuto nei confronti di un mendicante? Qui, trovate tutta la storia e noi oggi vi diciamo come potete festeggiarlo.

SAN MARTINO IN UMBRIA: TUTTI GLI APPUNTAMENTI

In provincia di Perugia si festeggia a:

  • Torgiano, sabato 11 e domenica 12 novembre, dove le vie e piazze dell’incantevole paesino diventeranno un museo a cielo aperto e potrete cogliere l’occasione per una visita al Museo della Ceramica.
  • S. Martino dei Colli dove, per il week end, è in programma LA FESTA DEI FALO’, una festa che si svolge all’interno delle mura del paesino medievale, dove l’atmosfera è resa ancora più suggestiva dai falò sulla piazza.
  • San Martino in Colle, sempre in provincia di Perugia, festeggia San Martino con LA FESTA DEL VINO E DELLE CASTAGNE.
  • Fossato di Vico (Pg), sabato 11 novembre, appuntamento stagionale con le CANTINE DI SAN MARTINO, un’ ottima occasione per visitare il borgo medievale.
  • Lisciano Niccone, BRINGOLI DI SAN MARTINO da venerdì 10 a domenica 12 novembre. Cosa sono i bringoli?  Lunghissimi spaghetti di circa 20 cm, rigorosamente fatti a mano.

In provincia di Terni si festeggia a:

  • Portaria, da giovedì 9 fino a sabato 11 novembre e, nella TAVERNA DI SAN MARTINO, gusterete tutto ciò che caratterizza questo periodo: zucca, olio, castagne, vino! E a Casteltodino, da giovedì a domenica, in locali riscaldati.

Continue Reading
La festa dell'olio nuovo

LA FESTA DELL’OLIO NUOVO A TREVI

Novembre è alle porte ed è tempo di olio nuovo. Un prodotto che è un’eccellenza della nostra regione di cui possiamo vantarci con orgoglio.

L’olio è un alimento base della dieta mediterranea, con un altissimo valore nutrizionale e ricco di proprietà benefiche. L’olio extravergine di oliva è un mix di antiossidanti ed essendo ricco di vitamine, è utilissimo per proteggere le ossa. E’ un concentrato di virtù che non può mancare nelle tavole italiane e nei piatti dei buongustai. Un alimento che non ha bisogno di gran cotture: basta una fetta di pane fresco per assaporarne pienamente il gusto.

A Trevi, la Società Agricola Il Frantoio, il prossimo week end 28 e 29 ottobre, festeggia l’Olio nuovo. Il più buono, il più prelibato, quello appena raccolto e che ci riporta indietro alle nostre tradizioni contadine.

LA FESTA DELL’OLIO NUOVO

La Festa dell’Olio Nuovo è ormai giunta alla sua 26° edizione ed ogni anno è un’occasione imperdibile per gustare questo magnifico prodotto e per passare del tempo allegro e di qualità con tutta la famiglia. Un appuntamento che piace a tutti: ai grandi e ai più piccoli. La Festa dell’Olio Nuovo è una due giorni ricca di appuntamenti, con musica dal vivo per tutte e due le giornate e tanta animazione e spettacoli per i più piccoli.

Da non perdere domenica 29, dalle ore 11:00 alle ore 16:00, il giro panoramico degli uliveti aziendali a bordo del TRENINO DELL’OLIO e alle ore 17:00 lo spettacolo di animazione PUPAZZI E MAGIA di Andrea Paris e Nicola Pesaresi.

Sarà inoltre possibile in entrambe le giornate visitare il Frantoio in lavorazione ed assistere alla produzione dell’Olio Extravergine di Oliva in diretta. Vedere il video aziendale che mostra tutto il processo produttivo, dalla raccolta delle olive, fino all’imbottigliamento e visitare la mostra delle attrezzature agricole dell’800. Il punto vendita rimarrà aperto dalle ore 9.00 alle ore 19.00 per entrambe le giornate.

Scommettiamo che piacerà moltissimo ai vostri bambini?

Per tutto l’arco del week end, degustazione gratuita no stop della BRUSCHETTA ALL’OLIO NUOVO. Sarà allestito, per il pranzo, un TEMPORARY RESTAURANT “La cucina di San Pietro a pettine” con menù alla carta.

L’Azienda Agricola il Frantoio, vi aspetta inoltre tutti i giorni, dal lunedì al sabato e, nel periodo di novembre e dicembre, anche la domenica, (09.00-13.00 / 15.00-19.00), per farvi visitare il frantoio,  dove oramai un’esperienza che dura nel tempo, ha unito la passione e l’amore con la tradizione e il territorio e che oggi porta sulla tavola di moltissimi italiani, un prodotto che sa di buono, perché buono lo è veramente.

AZIENDA AGRICOLA DI TREVI,
Fraz. Matigge, Via Bastia n° 1.
Tel. 0742 391631
www.oliotrevi.it


Continue Reading
sagre d'autunno

SAGRE D’AUTUNNO PER TUTTI I GUSTI

L’estate purtroppo è terminata, ma questo inizio d’autunno ci sta regalando ancora delle belle giornate soleggiate e delle serate non troppo fresche. Perché non goderci le ultime sagre? Ecco allora per voi una raccolta di Sagre d’Autunno, dedicate ai sapori di questa stagione.

LE SAGRE D’AUTUNNO, TUTTI I SAPORI

L’UVA E LE SUE PROPRIETA’ BENEFICHE

L’uva, in tutte le sue varietà, è uno dei prodotti di punta della nostra bellissima regione. Il territorio collinare e la mitezza del clima rendono ideale la sua coltivazione da cui se ne ricavano vini di altissima qualità apprezzati a livello internazionale. La vendemmia è inoltre uno dei momenti più caratteristici della nostra tradizione contadina, celebrato ogni anno, in questo periodo, con feste e sagre.

Dal 29 settembre al 01 ottobre, FESTA DELLA VENDEMMIA, a Penna in Teverina (Tr); stand gastronomici dove l’uva può essere assaggiata o sorseggiata, ma la sagra è anche l’occasione giusta per visitare l’antico e suggestivo borgo.

LA CASTAGNA, UN DURO GUSCIO DAL CUORE MORBIDO

La castagna è tra i frutti dell’autunno forse il più nutriente ed energetico, ma anche il più “romantico”, oltre ad essere uno street food per eccellenza: chi non ha mai mangiato un cartoccio acquistato per strada?

Dal 6 al 15 ottobre a Piegaro, si terrà uno degli appuntamenti più attesi, che ogni anno attira tantissimi visitatori. Negli stand gastronomici la castagna è proposta in ogni portata, dal primo piatto fino al dolce e ovviamente nella versione classica “arrosto”. A Pierle (Ar), nel magnifico scenario della Rocca, dal 6 al 8 ottobre si tiene la sagra della Castagna. Approfittate dell’occasione per un week end fuori porta e una capatina nella incantevole cittadina toscana di Cortona. A Preggio, dal 19 al 22 ottobre, la sagra della castagna è giunta addirittura alla sua 50esima edizione e Preggio è un borgo che merita sicuramente una visita. Infine, dal 8 al 15 ottobre, la festa della castagna arriva anche a Stroncone (Tr).

LA ZUCCA, L’ORTAGGIO COLORATO AMATO DAI BAMBINI

Ricco di vitamine, fibre e sali minerali, la zucca è un tesoro prezioso da conoscere e usare in cucina.

A Foiano della Chiana (Ar), sabato 14 ottobre e domenica 15, FESTA DELLA ZUCCA – PESA LA ZUCCA 2017, una manifestazione molto carina dove poter ammirare tanti esemplari di zucche giganti e chi porta la più pesante vince! Il programma è ricco di diversi spazi per i più piccoli (scoperta della fattoria e animazione). Stand gastronomici ed espositivi e musica, tutto in una cornice addobbata di arancione.


Continue Reading
barbecue

DRITTE PER UN BARBECUE FACILE, SICURO E GUSTOSO

Fare un barbecue è un’esperienza veramente piacevole, specialmente in questa stagione quando basta una griglia all’aperto e qualche amico, per una cena allegra, spensierata e di sicuro molto gustosa.

La cottura alla griglia è anche un modo sano per cuocere i cibi e un barbecue può essere la soluzione per preparare tutte le pietanze di un pasto, dalle bruschette per antipasto, alla frutta grigliata come dessert. La cottura al barbecue è inoltre piuttosto semplice e alla portata di tutti: basta seguire alcuni accorgimenti per un risultato salutare e sicuro.

Consigli per un buon barbecue

Preferite la cottura di cibi non congelati

In caso contrario prima di porli sulla griglia verificare che siano scongelati del tutto, diversamente non cuoceranno dentro o diventeranno troppo duri fuori.

Utilizzare grill o griglia perfettamente puliti

Non servono prodotti, basta riscaldare la griglia e spazzolarla a secco. Fatelo ogni volta, anche quando la griglia è nuova.

Munitevi di pochi ma indispensabili attrezzi

Guanti e grembiule possibilmente ignifughi e i guanti lunghi abbastanza da proteggervi fino al gomito. Attizzatoio per smuovere le braci e ravvivare la fiamma e pinze per girare i cibi.

Scegliete la posizione giusta per il grill

Lontano da piante e fronde. Schermate se potete il manto erboso e rinunciate al barbecue nelle giornate ventose.

Qualche consiglio culinario

Praticare dei piccoli tagli sul bordo della carne

Questo per evitare che si arricci durante la cottura e non cuocia bene in alcuni punti.

Salare a fine cottura

Per la carne di vitello salare addirittura prima di mangiarla.

Non battere, ne bucherellare la carne

Usare le apposite pinze, diversamente si disperderanno i liquidi e perderà in sapore.

Ricetta per il condimento

MARINATURA CLASSICA

Cosa serve:

  • Olio, sale, pepe, aglio, prezzemolo ed erbe aromatiche.

Regolatevi sulle quantità a seconda del cibo che deve essere marinato.

Come si fa:

  • Unite all’olio, l’aglio schiacciato, il sale e il pepe in grani, il prezzemolo tritato e un mazzetto di erbe aromatiche intero. Lasciate che la carne si marini per due ore circa.

SPENNELLATURA ALLA BIRRA

Cosa serve:

  • Birra, aceto di mele, uno spicchio d’aglio e poca cipolla tritata.

Come si fa:

  • Unite tutti gli ingredienti in una bacinella, coprite e lasciate riposare in frigo per almeno un’ora. Spennellate la carne con il liquido durante la cottura.

SALSA BARBECUE

Cosa serve:

  • 200 gr di salsa di pomodoro
  • 2 cucchiai di aceto
  • 2 cucchiai di salsa Worcestershire
  • 2 cucchiai di senape
  • cipolla, aglio, olio, sale, pepe, tabasco e zucchero

Come si fa:

  • Fate rosolare in un cucchiaio d’olio, aglio e cipolla tritati. Sfumate con l’aceto. Aggiungete il pomodoro e le due salse mescolando. Rifinite con un pizzico di zucchero e condite a gusto con sale e pepe

Continue Reading
cocktail per tutti

COCKTAIL PER TUTTI

L’estate è di sicuro la stagione che più si presta alle uscite con gli amici. Il clima, la spensieratezza che caratterizza questo periodo e magari qualche giorno di ferie dal lavoro, fanno moltiplicare cene in compagnia, aperitivi o dopo cena all’aperto. Non serve andare lontano e dar fondo ai propri risparmi, una cena sul terrazzo è sufficiente perché sia subito vacanza.

Se siete a corto di idea per il menù, potete puntare sul finger food, facile, veloce e gustoso o su delle tradizionali ricette rivisitate in versione light.

E perché non accompagnare tutto con qualche cocktail sfizioso? Se lo farete voi, potrete scegliere i gusti che più vi piacciono e preparare qualcosa di analcolico anche per i più piccoli.

COCKTAIL ANALCOLICI

La base per un cocktail analcolico è senza dubbio la frutta fresca che in questo periodo abbonda in varietà. Vi consigliamo tra tutti i gusti, l’ananas, rinfrescante e leggero, il succo d’arancia e il succo di limone, dal sapore acidulo ma dissetante; per i bambini, che non sempre amano i gusti aspri, banana e cocomero.

Per preparare un cocktail analcolico, oltre allo sciroppo di frutta o alla frutta a pezzetti, occorre aggiungere acqua (meglio se tonica), o granita; per i più piccoli perfetto da aggiungere alla frutta a pezzetti è il succo di arancia. Frullate tutto nel mixer o nell’apposito Shaker, e il cocktail è fatto. Se poi avete tutti gli accessori, potete  filtrare con il colino per eliminare quei filamenti di frutta che possono non piacere.

COCKTAIL ALCOLICI

Qui c’è da sbizzarrirsi, perché le varianti sono tante e di tutte le gradazioni. Noi vi diamo qualche spunto.

APEROL SPRITZ

Oramai è un’istituzione. Lo conoscono tutti e lo servono praticamente dappertutto. Gli ingredienti sono Aperol, soda e qualche cubetto di ghiaccio. Mescolate con un cucchiaino o una cannuccia e completate con una fettina di arancia per aromatizzare e zucchero semolato da passare sul bordo del bicchiere, che decora e ne esalta il gusto.

BELLINI

É un long drink molto amato e non troppo alcolico. Un modo diverso per sorseggiare le bollicine. Gli ingredienti sono succo di pesca e prosecco o champagne. Se potete ancor meglio sarebbe usare la pesca fresca, frullata e filtrata con un colino a maglie molto strette. La proporzione è di 1/3 tra prosecco e frutta. Il Bellini va servito rigorosamente nel flute.

ROSSINI

L’ingrediente base è sempre spumante secco, prosecco o champagne, basta utilizzare la fragola al posto della pesca.

Per il Bellini e il Rossini, sia la frutta che  il suo succo che lo spumante, devono essere già freschi al momento della preparazione del cocktail e devono essere subito serviti. É sconsigliato aggiungere cubetti di ghiaccio che ne altererebbero il sapore.


Continue Reading
contorno croccante

IL CONTORNO CROCCANTE

Riuscire a far mangiare la verdura ai bambini, a volte si rivela una vera e propria impresa! Ora che con il caldo estivo il minestrone non è di sicuro un piatto che attira, vi diamo qualche suggerimento per un contorno croccante, estivo, facile e gustoso: a prova di bimbo!

CONTORNO CROCCANTE: LE RICETTE

Zucchine e carote panate

Cosa serve:

  • 2 zucchine e 2 carote
  • 5 cucchiai di pangrattato
  • aglio e olio q.b.

Come si fa:

  1. Pulire e tagliare a rondelle o a cubetti le carote e le zucchine
  2. Far rosolare in una padella uno spicchio d’aglio con un pò di olio
  3. Aggiungere carote e zucchine e far cuocere a fiamma vivace fino a che le carote non si saranno leggermente ammorbidite e le zucchine dorate.
  4. Togliere lo spicchio d’aglio e aggiungere il pangrattato continuando a mescolare

Bastoncini arcobaleno

Cosa serve:

  • 2 patate
  • 2 carote
  • 2 zucchine e se c’è qualche adulto che gradisce, 1 peperone rosso e 1 peperone giallo.
  • pangrattato
  • parmigiano
  • olio e sale q.b.

Come si fa:

  1. Lavare e tagliare a listelline tutte le verdure
  2. Rivestire una teglia da forno con l’apposita carta, versare le verdure e condire con olio e sale.
  3. Spolverare con metà del pangrattato e del parmigiano
  4. Infornare a 180° per 20 minuti circa
  5. Cospargete le verdure con il restante pangrattato e parmigiano e ultimate la cottura per 15 minuti circa, fino a quando l’aspetto non sarà dorato e croccante.

Finta pizza

Cosa serve:

  • 2 zucchine bianche tonde
  • 150 g di passata di podoro
  • 100 g di mozzarella
  • olive nere
  • olio, sale q.b.

Come si fa:

  1. Lavare le zucchine e tagliarle a fette spesse 1 cm circa
  2. Passarle al grill per qualche minuto o lessarle leggermente.
  3. Ricoprite con l’apposita carta la teglia da forno.
  4. Adagiate le zucchine e cospargete ogni fetta con passata di pomodoro
  5. Guarnite con cubetti di mozzarella, olive o quello che più vi piace.
  6. Infornate per 10 minuti circa in forno preriscaldato a 200.

Continue Reading
crepes

CREPES, DALL’ANTIPASTO AL DOLCE

Le crepes sono uno dei piatti preferiti dai bambini. La loro forma semplice, il fatto che siano morbide da mangiare con il ripieno sempre gustoso, salato o dolce che sia, le rendono una pietanza che attira da sempre anche i più piccoli. Mangiare delle crepes con il giusto ripieno, poi significa anche fare un pasto completo, e se vogliamo toglierci lo sfizio, è un dolce perfetto o una merenda da leccarsi i baffi.

Le crepes si adattano perfettamente alle più differenti occasioni: il buffet di una festa di compleanno, il piatto unico di una cena all’ultimo minuto, una portata ad effetto per i palati più esigenti. Sono veramente tanti i modi in cui gustarla, dall’antipasto al dolce. Vediamo insieme alcuni modi su come cucinare una crepe.

CREPES: L’IMPASTO

Partiamo dall’impasto che è sempre lo stesso, sia che si intenda fare crepes dolci o salate. Servono pochi ingredienti, pochissimi minuti: perfetto come salva cena.

Cosa serve per preparare la pastella

  • 250 gr di farina 00
  • 500 ml di latte
  • 3 uova

Come si fa la pastella

  1. Rompete le uova in una ciotola, sbattetele energicamente e aggiungete il latte un poco alla volta
  2. Aggiungete la farina setacciata sempre poco alla volta per evitare la formazione di grumi
  3. Dopo aver raggiunto la consistenza cremosa della pastella, coprite con una pellicola e lasciate in frigo per almeno 30 minuti

CREPES: COME SI FA

  1. Ungete una padella antiaderente sufficientemente larga con un poco di burro. L’ideale sarebbero le crepiere. Ne esistono di diversi modelli, crepiera da gas e crepiera elettrica, alcune fornite di ciotola per l’impasto e spatola.
  2. Versate un mestolo di pastella lasciando che copra velocemente tutto il fondo della padella o della crepiera
  3. Lasciate cuocere un minuto per lato. Per girare la crepe aiutatevi con le apposite spatole, o in mancanza, un piatto o un coperchio di una grandezza leggermente superiore alla padella.
  4. Trasferite la crepe in un piatto e continuate fino alla fine della pastella.

Ora pensiamo a come farcire le nostre crepe e farne dei piatti deliziosi!

Per delle crepes salate con una facile farcitura, basterà usare qualche affettato e del formaggio morbido, prosciutto cotto ed emmental, prosciutto crudo e provola, stracchino e rucola, salame e caciottina.

Perfetto anche il ripieno di verdure, zucchine, peperoni, melanzane grigliate o in alternativa una crepe caprese con pomodoro e mozzarella

Se volete usare le crepes per un primo piatto, potete pensare di realizzare una lasagna o un tortino, da condire con del semplice sugo al pomodoro, pesto o con besciamella e verdure. Non vi consigliamo ragù e sughi troppo carichi e elaborati perché mal si addicono all’impasto fine e leggero della crepe.

Per le crepes dolci consigliare è molto difficile, a noi piacciono tutte. Crema e frutti di bosco, miele, marmellate di tutti i gusti, frutta sciroppata e poi l’immancabile nutella.


Continue Reading
fiori di zucca

UN FIORE NEL PIATTO: CUCINARE I FIORI DI ZUCCA

fiori di zucca, è una verdura di questo periodo. Si pianta ad inizio primavera e si raccoglie fino alla fine dell’estate. E’ difficile pensare al fiore di zucca come ad un ortaggio, eppure, non solo è commestibile, ma è pure buonissimo. Povero di grassi e ricco di proprietà nutritive, tante vitamine e tanti sali minerali come ferro, calcio e potassio: perfetto per noi e per i nostri bambini.

Il fiore di zucca viene utilizzato in cucina in molte preparazioni, facili e veloci. Uniche accortezze sono il doverli pulire con delicatezza e cucinarli appena raccolti, perché il loro periodo di conservazione è molto breve.

COME CUCINARE I FIORI DI ZUCCA

Come mettere i fiori nel piatto? Ecco alcune idee velocissime che vi faranno fare un’ottima figura sia in occasioni speciali ed importanti: quando vi serve un’idea che stupisca senza dover impazzire per realizzarla, sia come salva-cena.

FIORI DI ZUCCA FRITTI 

E’ di sicuro il modo più tradizionale per consumare questo ortaggio. La pastella leggera e croccante non toglie nulla al sapore delicato del fiore che quindi, anche fritto, è perfetto anche in estate. Comodo da mangiare con  le mani, è l’ideale sia come secondo per una cena poco impegnativa, sia come gustoso aperitivo. Il segreto sta tutto nella pastella che, per risultare croccante e gustosa, ma non unta, necessita solo di farina e acqua frizzante ghiacciata. Molte ricette sostituiscono l’acqua, con birra ghiacciata, ma voi potete decidere anche per metà acqua e metà birra. In ogni caso il risultato sarà una tempura strepitosa.

FIORI DI ZUCCA RIPIENI

Il fiore di zucca ripieno necessita della cottura in forno, pertanto al tempo di preparazione, dovrete aggiungere circa 15 minuti per la doratura. Il ripieno del fiore di zucca può variare molto: salsiccia e mozzarella, scamorza e speck, ricotta e pomodorini. Perfette sono addirittura le stesse zucchine del fiore tagliate a dadini con un pò di carne macinata, noce moscata, parmigiano e un uovo per amalgamare. Famosissimi quelli ripieni con acciughe, ma forse non molto adatti per i più piccoli. Ricordatevi di spolverarli con una manciata di parmigiano prima di passarli in forno.

PASTA CON I FIORI DI ZUCCA

Perfetta la pasta lunga, linguine, spaghetti, tagliatelle, strangozzi. Per il condimento si può scegliere tra due versioni: quella bianca, con fiori tagliati a piccole listelline e la zucchina tagliata a dadini e con l’aggiunta di un pò di formaggio molle (es. philadelphia) per amalgamare tutto; e quella rossa con l’aggiunta di qualche pomodorino ramato fatto prima rosolare in padella con i fiori, uno spicchio d’aglio e un filo d’olio.

FIORI DI ZUCCA IN INSALATA

Per molti risulterà un pò insolito, ma i fiori di zucca sono ottimi anche in insalata; basta saltarli qualche minuto in padella e poi aggiungere all’insalata quello che più vi piace.

I fiori di zucca ed i piatti in cui questi sono cucinati, sono tipici anche della nostra regione, che ogni anno non manca occasione per celebrarli con sagre a tema. Ecco qualche idea se vi va di mangiarli, ma preferite che qualcuno li cucini per voi:

17° SAGRA DEI FIORI DI ZUCCA  a Nera Montoro, in provincia di Terni dal 23 giugno al 2 luglio.

V° RASSEGNA DEL FIORE DI ZUCCA a Santa Maria degli Angeli, Assisi sempre dal 23 Giugno al 2 Luglio.


Continue Reading