Tag Archives : divertimento

halloween

HALLOWEEN LA FESTA CHE PIACE AI BAMBINI

Conto alla rovescia per la festa più mostruosa dell’anno, ma anche la più divertente, quella che piace tanto ai più piccoli. Perché la notte di Halloween è sì la notte dei mostri, ma nel loro immaginario sono mostri buoni, simpatici, un pò maldestri e cialtroni; e pazienza se si tratta di una festa “importata” che fa storcere il naso a molti. A tutti i bambini piace e quindi perché non vederla come una sorta di “carnevale d’inverno”, senza per questo profanarne il significato?

DIVERTIAMOCI CON HALLOWEEN

La festa di Halloween è anche una festa con tanti preparativi: la tradizione della zucca intagliata “scaccia streghe”, ha oramai contagiato tutti. Sono moltissimi i negozi che ne vendono di tutte le forme e grandezze, unico imperativo è che sia arancione e poi basta dar sfogo alla fantasia per intagliarla più spaventosa che mai.

Tantissimi i lavoretti homemade che potete fare con i bambini e che serviranno ad addobbare la casa, ad esempio IL RAGNO CARLO MAGNO, facile da realizzare e con pochi materiali e potete anche cimentarvi in una seduta di cucina per realizzare golosi MUFFIN DI ZUCCA.

Halloween è anche sinonimo di Dolcetto Scherzetto? ed è oramai un rito sentir suonare il campanello di casa al calar del sole, aprire la porta e trovarsi davanti degli scugnizzi allegri e festanti, alla faccia dei mostri e delle streghe. Sempre per le idee fai da te, potete seguire il nostro tutorial per un FUORIPORTA PER DOLCETTI.

Halloween è travestimento: scheletri, ragni, vampiri, pipistrelli, niente fa paura se è incorniciato da gridolini e risate. Anche la maschera più cupa, nell’ultima notte di ottobre, non fa paura a nessuno.

Halloween infine è festa. Una festa che dura lo spazio di una notte, per i più piccoli giusto qualche ora, ma è una festa così allegra e rumorosa che non sembra evocare niente di spaventoso.

A breve tutti gli appuntamenti della regione.


(Su alcuni dei link dell’articolo, Umbria for Mummy ha un’affiliazione e ottiene una piccolissima quota dei ricavi, senza variazioni di prezzo per te. Comprando attraverso di essi ci aiuti a portare avanti il nostro progetto).

Continue Reading
Officine della domenica

TORNANO LE OFFICINE DELLA DOMENICA

Tornano domenica 1 ottobre Le Officine della Domenica a cura del Post di Perugia, gli appuntamenti domenicali dedicati ai piccoli scienziati, per avvicinare i bambini al mondo della scienza e della scoperta, partendo dal gioco e da interessanti laboratori. Domenica 1 ottobre è la giornata inaugurale di questa nuova stagione: l’ingresso è aperto a tutti e la partecipazione è gratuita, ma occorre prenotarsi al numero 075 57 36 501.

Il calendario della giornata inizia con il laboratorio a cura del Post, La terra racconta. Sono disponbili due turni per partecipare alle ore 16:00 e alle ore 17:45. A seguire ci sarà l’intrattenimento teatrale a cura di Marialuisa Morici  Gaia e i frulli – il terremoto spiegato ai bambini, anche qui con due turni disponibili: alle ore 16:30 e alle ore 17:30. A ciclo continuo a partire dalle ore 15:30 si terrano le dimostrazioni a cura dello Studio Naturalistico Hyla, Curiosando nel mondo animale.

LE OFFICINE DELLA DOMENICA: IL PROGRAMMA DI OTTOBRE

Da domenica 8 ottobre, gli appuntamenti riprenderanno con la cadenza settimanale degli altri anni. Ogni domenica un laboratorio diverso a cui partecipare. Il costo di ogni laboratorio è di € 5,00, avrà la durata di un’ora, dalle ore 16:30 alle ore 17:30 e la prenotazione sarà obbligatoria.

Domenica 8 ottobre

RETTILI E ANFIBI: SPAVENTOSI O UTILI?

Domenica 15 ottobre

QUELLI CON LE PINZE E I PUNGIGLIONI

Domenica 22 ottobre

TOPI E TOPOLINI… GLI OSPITI ABUSIVI

Domenica 29 ottobre

PRE- HALLOWEEN PARTY

In attesa della festa di Halloween, il Post organizza la festa in maschera più spaventosa della città, tra streghe, pipistrelli e lupi mannari!

  • PIPISTRELLI E DINTORNI: L’AFFASCINANTE UNIVERSO DEI CAVALIERI OSCURI
    Laboratorio a cura del Post e dello Studio Naturalistico Hyla
  • BRRRRRIVIDII
    Intrattenimento teatrale  a cura di Marialuisa Morici e Alessandro Menicocci

Costo: € 10,00.
Durata: dalle ore 16:30 alle ore 18:30.

Ricordiamo che la prenotazione è sempre obbligatoria (075 57 36 501).


Continue Reading
sagre d'autunno

SAGRE D’AUTUNNO PER TUTTI I GUSTI

L’estate purtroppo è terminata, ma questo inizio d’autunno ci sta regalando ancora delle belle giornate soleggiate e delle serate non troppo fresche. Perché non goderci le ultime sagre? Ecco allora per voi una raccolta di Sagre d’Autunno, dedicate ai sapori di questa stagione.

LE SAGRE D’AUTUNNO, TUTTI I SAPORI

L’UVA E LE SUE PROPRIETA’ BENEFICHE

L’uva, in tutte le sue varietà, è uno dei prodotti di punta della nostra bellissima regione. Il territorio collinare e la mitezza del clima rendono ideale la sua coltivazione da cui se ne ricavano vini di altissima qualità apprezzati a livello internazionale. La vendemmia è inoltre uno dei momenti più caratteristici della nostra tradizione contadina, celebrato ogni anno, in questo periodo, con feste e sagre.

Dal 29 settembre al 01 ottobre, FESTA DELLA VENDEMMIA, a Penna in Teverina (Tr); stand gastronomici dove l’uva può essere assaggiata o sorseggiata, ma la sagra è anche l’occasione giusta per visitare l’antico e suggestivo borgo.

LA CASTAGNA, UN DURO GUSCIO DAL CUORE MORBIDO

La castagna è tra i frutti dell’autunno forse il più nutriente ed energetico, ma anche il più “romantico”, oltre ad essere uno street food per eccellenza: chi non ha mai mangiato un cartoccio acquistato per strada?

Dal 6 al 15 ottobre a Piegaro, si terrà uno degli appuntamenti più attesi, che ogni anno attira tantissimi visitatori. Negli stand gastronomici la castagna è proposta in ogni portata, dal primo piatto fino al dolce e ovviamente nella versione classica “arrosto”. A Pierle (Ar), nel magnifico scenario della Rocca, dal 6 al 8 ottobre si tiene la sagra della Castagna. Approfittate dell’occasione per un week end fuori porta e una capatina nella incantevole cittadina toscana di Cortona. A Preggio, dal 19 al 22 ottobre, la sagra della castagna è giunta addirittura alla sua 50esima edizione e Preggio è un borgo che merita sicuramente una visita. Infine, dal 8 al 15 ottobre, la festa della castagna arriva anche a Stroncone (Tr).

LA ZUCCA, L’ORTAGGIO COLORATO AMATO DAI BAMBINI

Ricco di vitamine, fibre e sali minerali, la zucca è un tesoro prezioso da conoscere e usare in cucina.

A Foiano della Chiana (Ar), sabato 14 ottobre e domenica 15, FESTA DELLA ZUCCA – PESA LA ZUCCA 2017, una manifestazione molto carina dove poter ammirare tanti esemplari di zucche giganti e chi porta la più pesante vince! Il programma è ricco di diversi spazi per i più piccoli (scoperta della fattoria e animazione). Stand gastronomici ed espositivi e musica, tutto in una cornice addobbata di arancione.


Continue Reading
Figuratevi

FIGURATEVI…IL FESTIVAL DEDICATO AI BAMBINI

Torna anche questa estate un appuntamento imperdibile per i bambini e le loro famiglie a Perugia: Figuratevi… di essere bambini. Il festival internazionale delle figure animate, giunto quest’anno alla sua trentesima edizione, inizierà il 24 di agosto, con un’anteprima in centro, per poi proseguire fino al 27 presso il percorso verde di Pian di Massiano. Come ogni anno, Figuratevi propone spettacoli di vario genere, laboratori, momenti musicali e tanto altro ancora. Ma vediamo insieme qualche chicca dal programma che gli amici di Figuratevi hanno preparato per noi!

Figuratevi: il programma

24 Agosto – Perugia centro

Presso il centro storico, a corso Vannucci, dalle ore 17:00 si terranno diversi spettacoli: di burattini, itineranti, di pupazzi. Vi suggereriamo di non perdere lo spettacolo finale: E voila nel tuo cielo volerà. Si tratta di uno spettacolo di palloni, musiche e trampolieri.

25 -26-27 Agosto – Area Verde Pian di Massiano

A Pian di Massiano va in scena la parte più ‘succosa’ di Figuratevi.

Ogni giorno i bambini potranno scegliere tra tantissime diverse iniziative. Tutti i giorni ci saranno tre spettacoli diversi (di marionette, con attori, di burattini, ecc…) alle ore 17:30, alle ore 18:30 e alle ore 21:15. I laboratori saranno tantissimi: di fumetti, di origami, scientifici, di yoga, di burattini, di arti visive e tanti altri ancora. Ogni giorno i laboratori si terranno dalle ore 16:30 alle ore 19:30/20:00 a seconda del tipo; alcuni sono divisi per età. Nello stesso orario sarà possibile anche partecipare a numerosi giochi educativi volti a stimolare i bambini su temi legati all’intercultura, all’ambiente, alla salute. Presenti anche giochi e dimostrazioni sulla sicurezza: come Pompieropoli o i giochi di educazione stradale. La biblioteca itinerante del Comune di Perugia, il Bibliobus, sarà presente per tutto il festival e ci saranno anche altri momenti di legati alla lettura, come Fiaba Dolce Fabia.

E per finire, non dimentichiamo le dimostrazioni sportive, dal tennis alla ginnastica ritmica. In più ci sarà il tradizionale mercatino dei ragazzi, in cui i bambini possono proporre in vendita vecchi giochi o oggetti creati da loro.

Allora: siete pronti per un weekend in cui Figurarvi di essere bambini?


Continue Reading
colpo di tacco

COLPO DI TACCO AL CAMPIONATO

Sul binomio donne e calcio esistono da sempre troppi luoghi comuni. Molti li considerano addirittura termini che non possono stare neanche nella stessa frase! Se una volta, però, per molte di noi, cos’era un fuorigioco e a cosa serviva il dischetto a centro campo era un mistero, oggi, la maggior parte delle trasmissioni di calcio ha la sua giornalista sportiva di fiducia e la finale di Champions League è una partita che pochissime donne si perdono. Che il gentil sesso non ne capisca di calcio quindi non è più vero e non solo c’è chi lo tifa e lo guarda, ma addirittura chi ne parla, e lo fa con quell’ironia, spigliatezza e simpatia che gli uomini si sognano.

Ad un fischio dal calcio di inizio del prossimo campionato di calcio, abbiamo incontrato l’autrice del divertentissimo blog, ma non per questo meno autorevole, COLPO DI TACCO, il posto adatto per chi il calcio lo ha sempre amato, per chi lo ha scoperto da poco e per chi muove i primi timidi passi, con la voglia di scoprirne e saperne di più.

Colpo di tacco: palla ad Agnese

Agnese raccontaci qualcosa di te e di questo tuo spazio. Com’è nata l’idea e soprattutto perché?

Fin da piccola ho sempre seguito il calcio e, così, all’improvviso mi è venuta in mente l’idea di aprire un blog che parlasse di questo argomento. Ma non nel modo tradizionale, cerco infatti di farlo con ironia e leggerezza, togliendo a questo sport quell’aurea di sacralità che in molti gli danno. Alla fine è sempre e solo uno sport, un divertimento. Da donna mi sono presa questa libertà.

Per quale motivo, secondo te, anche le donne, devono amare il calcio e votarsi a questa religione fino a poco tempo fa del tutto maschile?

Non devono farlo se non vogliono. La mia, è una passione che mi ha tramandato mio padre e le passioni  ti contagiano a prescindere dal sesso. Ora il calcio non è più solo una prerogativa maschile, e ben venga. Molte donne lo seguono e grazie al blog ne ho conosciute diverse, che tifano, vanno allo stadio o hanno a loro volta degli spazi online dove ne parlano e ne discutono. Esistono donne arbitro che dirigono gare maschili, non ad alti livelli, ma è sempre un inizio. E anche il calcio femminile comincia a crescere e ad avere il suo pubblico. Era ora!

Quali sono le nozioni base da cui partire per guardare una partita senza “perdersi”?

Ci sono due squadre composte da 11 giocatori e lo scopo è quello di mettere la palla, che si litigano per 90 minuti, nella rete avversaria. Scherzi a parte, bisogna godersi la partita, arrabbiandosi pure un po’, ma anche farsi passare tutto quando la gara finisce. Spesso so che non è facile, ma sarebbe la regola fondamentale per non perdersi nella follia dei tifosi. Certo, non posso dire: “guarda la partita e rilassati” perché un vero tifoso non si rilassa mai…

Soprattutto come si fa a non annoiarsi?

Se una cosa piace non ti annoia. Può capitare di annoiarsi davanti a una partita, ma perché la gara è brutta o giocata male, ma la maggior parte delle volte è divertente ed entusiasmante. Se il calcio annoia è bene non guardarlo. A me fanno lo stesso effetto i programmi di cucina e per questo non li guardo. Ma questa non è una prerogativa femminile: conosco diversi uomini che odiano il calcio e non guarderebbero una gara per nulla al mondo.

Partita in Tv o allo stadio?

Allo stadio ha tutto un altro sapore. Lo stadio è molto più coinvolgente ed emozionante. Canti, tifi e ti viene la pelle d’oca. Tutti dovrebbero vedere nella vita, una partita allo stadio. Per spiegarsi: è come guardare un film al cinema o in televisione…

Quali sono le pecche del calcio italiano?

Tralasciando tutti i problemi che fanno storcere il naso, come calciatori troppo pagati, violenza e razzismo: tutti argomenti sacrosanti che vanno affrontati non per luoghi comuni e che ognuno vive secondo la propria coscienza, da “tifosa concreta” dico gli stadi. Troppo vecchi, non accessibili a tutti e lontani anni luce a quelli stranieri, fatti a misura di persona e molto più sicuri, anche per i bambini. Il modello Juve andrebbe copiato, almeno dai club più importanti. Già sarebbe un inizio per riportare la gente in curva e per far rivivere il calcio allo stadio e non solo in tv.

Di quale partita ti piacerebbe fare la telecronaca?

Una finale di Champions League, magari con il Perugia in campo o un Mondiale. Troppo presuntuosa?!

Sta per iniziare il campionato. Ci fai un pronostico e ci dici chi si saprà far ricordare?

Spererei che dopo sei anni di dominio Juve ci possa essere un cambio, anche solo per movimentare il campionato. Spererei di trovare più competizione tra le big… staremo a vedere! Non voglio fare un pronostico preciso. Meglio tenere un profilo basso.

Per seguire il campionato, ma soprattutto per seguire Agnese, qui trovate qui i suoi canali social:

Twitter – Facebook – Colpo di tacco – Il blog


Continue Reading
Ferragosto in Umbria

IDEE PER FERRAGOSTO IN UMBRIA

Per tutti quelli che per le ferie devono attendere ancora un pò, per chi già le ha fatte e per chi invece non può partire: occorre qualche idea per passare il Ferragosto! Ma niente paura, perché chi vuol trascorrere Ferragosto in Umbria può scegliere tra molte opportunità, per tutti i gusti e per tutte le tasche.

COSA FARE A FERRAGOSTO IN UMBRIA

Visitare il lago Trasimeno e le sue isole

Potete regalarvi un’escursione naturalistica all’Isola Polvese o una più monumentale e anche mondana all’Isola Maggiore. L’imbarco per l’Isola Polvese è al molo di San Feliciano mentre per l’Isola Maggiore ci si può imbarcare da Passignano, Castiglion del Lago e Tuoro. Vi consigliamo scarpe comode e fascia porta bebè visto che alcuni tratti escursionistici delle isole non sono facilmente percorribili con i passeggini.

Visitare il lago significa anche fermarsi tra i suoi borghi, Corciano, Panicale, Castiglion del Lago, per la XXXX edizione della Rassegna Internazionale del Folklore e per il Capodanno d’Estate in programma la sera del 14 agosto, con spettacolo pirotecnico a partire dalla mezzanotte. Senza dimenticare Città della Pieve, dove è in corso in quei giorni Il Palio dei Terzieriuna rievocazione storica in costume molto suggestiva e che attira ogni anno moltissimi turisti. E’ prevista proprio per il 15 di agosto, l’appuntamento clou della manifestazione, Il lancio della sfida, ma nel corso di tutta la manifestazione si potrà assistere a spettacoli e duelli in costume, visitare le botteghe artigiane e il mercato rinascimentale.

Cultura, musica e buon cibo

Di feste paesane ce ne sono praticamente in ogni angolo della regione. Vi diamo qualche spunto, segnalandovi le più particolari, per un Ferragosto in Umbria davvero per tutti i gusti.

A Corciano, dal 5 al 20 agosto, è tempo di Corciano Festival, una rievocazione storica che si ripete ogni anno e che vede proprio nella giornata del 15 agosto la sfilata in costume del corteo storico del Gonfalone.

Festa di San Bartolomeo (Foligno), che per il 15 agosto organizza passeggiata con colazione sulle colline e pranzo di Ferragosto presso il bosco del Convento.

Ferragosto a Quadrelli (Terni), un paese che per l’intera settimana del Ferragosto, propone il miglior folklore umbro con un programma molto ricco per il visitatore e carico di atmosfera.

Finisce il 13 agosto ad Amelia (Terni), Il Palio dei colombi, una rievocazione medievale nella magica atmosfera di questo borgo.

A Massa Martana, Festa del Gelato, dal 6 al 15 agosto e notte bianca il 14 agosto.

Nello splendido borgo di Torgiano, 34esima edizione dei Vinarelli, con spettacoli musicali e taverne aperte per il borgo.

Piscine, acqua park e parchi avventura

Speriamo in un caldo Ferragosto e in questo caso un’ottima idea sarebbe passare la giornata in una delle piscine o degli Acquapark della Regione.

Se invece siete degli amanti dell’aria di montagna, allora i Parchi Avventura (Activo Park a Scheggino, Parco Avventura al Lago di Fiastra e Frasassi Avventura) fanno al caso vostro. Per chi invece vuole un’esperienza naturalistica tra gli animali c’è il Leo Wild Park a Todi, che per la giornata del 15 agosto sarà aperto in open day, mentre il 13 e il 14 e il 19 e 20 agosto, su prenotazione.

Scoprire la cascata delle Marmore

Per tutto il week end di Ferragosto e per i giorni 15 e 16 agosto, il Parco rimarrà aperto dalle ore 09:00 alle ore 22:00 e l’apertura delle acque della cascata sarà dalle ore 10:00 alle ore 13:00 e dalle ore 15:00 alle ore 22:00.

Potete scegliere tra due tipologie di visite:

La cascata in 100 passi – Visita breve della durata di 30 min circa, su un percorso corto e facile. Adatto a chi ha bambini piccoli, perché fornisce un’idea comunque completa di questa bellezza regionale, ma in poco tempo e senza stancare. Consultate qui il calendario degli orari.

I segreti del parco – Si parte dal Belvedere inferiore per addentrarsi all’interno del Parco e scoprire le caratteristiche più curiose ed interessanti di flora e fauna che vi abitano. La passeggiata ha la durata di 1 h e 30 min. circa ed è consigliata per chi ha bambini più grandicelli, visto la lunghezza, pendenza e discontinuità del percorso. E’ consigliato abbigliamento comodo e scarpe da trekking. Qui gli orari.


Continue Reading
piscina in giardino

AFA ESTIVA? METTI UNA PISCINA IN GIARDINO

Quando il caldo si fa insopportabile, ma non potete rinfrescarvi con una gita al mare, in montagna o al lago, la piscina è di sicuro un’ottima alternativa. Già vi abbiamo parlato delle piscine e degli Acqua-park che potete trovare qui in Umbria, ma se siete tra quei fortunati che hanno uno spazio esterno a casa, sufficientemente ampio, ottima è l’idea di istallare una piscina in giardino, per avere una piccola oasi di relax e la dose quotidiana di refrigerio, proprio a portata di mano.

Piscina in giardino

Una vera comodità se si hanno bambini. Potete passarci le calde giornate dei week end o organizzarci addirittura un compleanno o una festa d’estate: nessuno dirà di no ad un invito in piscina e sarà come ritagliarsi una piccola vacanza in giardino.

Le piscine da giardino ne esistono di tanti tipi, dalle più complesse e costose, che richiedono professionalità nell’istallazione e una manutenzione accurata, a quelle fuori terra sicuramente più semplici da gestire; o addirittura alle piscine gonfiabili, acquistabili con pochi euro, con un montaggio semplice e una manutenzione alla portata di tutti. Basterà scegliere in base alle proprie esigenze e all’età dei bambini e non dimenticare mai la parola d’ordine: sicurezza, perché scegliere consapevolmente è molto importante quando riguarda i più piccoli.

La piscina in giardino più usata

Le piscine per bambini più usate sono quelle pieghevoli e quelle gonfiabili; vanno benissimo per piccoli spazi e per essere usate sia per rinfrescarsi che per piccoli giochi, più che per nuotare. Da evitare in questi casi il tuffo, perché la leggerezza dei materiali e la stabilità non ottimale potrebbero far ribaltare la piscina stessa e causare incidenti. Tra le piscine gonfiabili, ne esistono dei modelli molto carini e divertenti, capaci di accogliere anche più bambini. Modelli con scivolo e giochi d’acqua. Per i più piccoli sono perfette le piscine gonfiabili con coperture e paraventi, per proteggerli dal sole.

Le piscine pieghevoli invece sono in genere molto basiche ed anche il loro costo è contenuto. Le dimensioni non sono mai grandi: basti pensare che la piscina pieghevole, una volta che si è finito di usarla, si chiude in una praticissima sacca per essere trasportata da un luogo a un altro (ad esempio è perfetta per essere portata in spiaggia e far giocare i piccolissimi sotto l’ombrellone).

Sia per le piscine gonfiabili che per le pieghevoli, gli esperti del settore consigliano di cambiare l’acqua ad ogni utilizzo.

Piscina in giardino fuori terra

Se si cerca invece una soluzione più complessa, da installare e non rimuovere più per tutta la stagione estiva, allora si può optare per una piscina fuori terra. Anche qui ne esistono di diversi tipi e altrettanti prezzi. Si parte da un’altezza di 70 cm circa, per arrivare anche a 1 metro e 30 ed oltre. In questo caso oltre alla piscina, sarà necessario munirsi di filtro per l’acqua e di prodotti per il suo trattamento. Per il corretto mantenimento di un’acqua sana e pulita sarà necessario anche pulire con regolarità le pareti della piscina, le cartucce ed il filtro stesso.

Sia che si opti per una piscina gonfiabile o pieghevole, sia che si preferisca una soluzione più complessa, importante è scegliere bene il piano dove poggiarla, utilizzando teli o tappetini, nel caso in cui si tratti di pavimento scivoloso o dal fondo irregolare.

É importante scegliere anche un luogo lontano da spigoli, finestre e altre zone pericolose che potrebbero minare la sicurezza dei nostri bambini.

Lasciare infine che la temperatura dell’acqua raggiunga un livello piacevole prima di immergersi e poi a tutti un BUON BAGNO!!!


Continue Reading
Palio delle barche

AL TRASIMENO PER IL PALIO DELLE BARCHE

Torna anche quest’anno per la sua 34°esima edizione IL PALIO DELLE BARCHE. Si tratta di una rievocazione medievale della storica battaglia tra due famiglie nobili perugine, i Baglioni e gli Oddi, e che vide quest’ultimi dover fuggire dal castello, barche in spalla.

Quella corsa tra vicoli e scalinate del centro storico, oggi rivive nella sfida tra i 4 rioni della cittadina di Passignano: Rione San Donato, Rione La Regina, Rione La Rondolina, Rione Oliveto.

Palio delle barche: gli appuntamenti da non perdere!

Si inizia domenica 23 luglio ore 21:30, con la consegna delle chiavi della città e la presentazione del Palio.

Lunedì 24 luglio ore 22:30, uno magnificente spettacolo pirotecnico, simulerà l’incendio del castello.

Venerdì 28 luglio ore 22:00, corsa delle brocche.

Sabato 29 luglio ore 22:15, lancio della sfida tra i rioni.

Domenica 30 luglio ore 18:15, XXXIV Palio delle Barche.

In queste date il lungo lago di Passignano sarà completamente chiuso al traffico. Per tutta la durata della festa, ogni sera ci sarà animazione, giocoleria, mercatini, mostre, musica, spettacoli medievali e taverne aperte.


Continue Reading
indispensabili per il mare

GLI INDISPENSABILI PER IL MARE

Cosa mettere in valigia prima di partire per le vacanze? Oltre a costumi e parei ci sono oggetti che, in vacanza, potrebbero semplificarvi la vita e per cui vale la pena trovare un posticino.

Gli indispensabili per il mare

PER ESSERE SEMPRE AL TOP!

State per uscire, avete appena completato il look, siete strepitose e pronte a godervi la vostra giornata al mare o la vostra serata d’estate? E poi spunta lui, un pelo, là proprio dove non dovrebbe esserci e si vede così bene da rovinarvi l’umore. Niente panico VEET SENSITIVE PRECISION fa al caso vostro. Ritocca e definisce le parti più sensibili del corpo, in una sola passata. Veloce e delicato, è proprio quello che ci vuole in estate per i ritocchi veloci, ma è così piccolo che si può portare ovunque, persino in borsetta.

PER ESSERE SICURI IN ACQUA

Una novità assoluta per quest’estate e perfetto per mare, lago e piscina: BRACCIALETTO ANTI ANNEGAMENTO. Per i ragazzi che fanno le loro prime esperienze in autonomia in sport acquatici, per i “nuovi” nuotatori, o semplicemente per chi in acqua non si sente sicuro. Si tratta di un semplice braccialetto da mettere al polso il cui funzionamento è molto semplice. All’occorrenza, un piccolo gesto attiverà la boa di galleggiamento rendendo la permanenza in acqua molto sicura.

PER LA TUA COMODITÀ

In spiaggia stendiamo il telo, per poi trovarlo dopo neanche un minuto pieno di sabbia; così ci rialziamo lo puliamo e lo stendiamo di nuovo. Dopo neanche un minuto siamo al punto di partenza e specialmente se abbiamo bambini, alzarsi per pulirlo di nuovo è del tutto inutile. Il TELO ANTISABBIA è di un tessuto “setaccio” che spazzerà via la sabbia senza che ve ne accorgiate. Nel caso in cui la quantità di sabbia fosse elevata, basterà semplicemente una passata della mano e il telo tornerà pulito.

E perché non regalarci anche la comodità di un LETTINO GONFIABILE? Poco ingombrante e leggero, sta in una semplice sacca zaino e all’occorrenza diventa un divano, un lettino per la spiaggia e anche un materassino galleggiante per il mare.

PER DIVERTIRSI

Sotto l’ombrellone, nelle ore più calde, che ne dite di una partita a UNO? Gioco divertentissimo che piace a tutti e adatto ai bambini dai 6 anni in su. Per il mare e la piscina esiste anche la versione impermeabile del gioco, UNO H2O.


Continue Reading
Giochi in cortile

GIOCHI IN CORTILE DI UNA VOLTA

Non manca molto alla fine dell’anno scolastico, oramai la primavera è nel suo clou e con l’arrivo dell’estate, rimanere chiusi in casa proprio non si può. Passare del tempo all’aria aperta con i propri figli è un vero toccasana e non serve poi molto, per passarlo divertendosi. Perché non rispolverare allora i giochi in cortile che si facevano una volta?

Molti bambini, purtroppo, presi da mille tecnologie nemmeno li conoscono, mentre invece sono un’ottima occasione, non solo per stare all’aria aperta divertendosi, ma anche per fare un pò di movimento che non fa mai male, né a loro né a noi.

Già lo scorso anno con l’arrivo della bella stagione ve ne abbiamo ricordati alcuni: riapriamo anche ora il baule dei ricordi e riscopriamone un altro pò.

Giochi in cortile: istruzioni per l’uso

LA CAMPANA

Cosa occorre: un gessetto colorato e un sasso.

Come si gioca: disegnate in terra un percorso fatto di dieci caselle rettangolari, una attaccata all’altra e numerate da 1 a 10. Ci sono diverse possibilità di percorso, ma nulla vieta di inventarne una tutta nostra che magari complichi un pò l’esecuzione del gioco, rendendolo più avvincente.

Il giocatore lancia il sasso a partire dalla casella con il numero più basso e saltellando su una gamba sola, deve compiere tutto il percorso ad eccezione della casella dove si trova il sasso. Una volta raccolto, senza appoggiare la gamba sollevata, termina il percorso. Se ci riesce tocca ancora a lui e cercherà di tirare il sasso nella casella con il numero immediatamente successivo; se non riesce o durante il percorso, appoggia la gamba in aria, passa di mano.  Vince il giocatore che per primo percorrerà tutta la campana.

Per chi non avesse un posto dove poter disegnare la campana o volesse qualcosa di più moderno, esistono in commercio delle pratiche campane da giardino con “sasso” annesso.

GIOCO DELL’ELASTICO

Cosa occorre: un elastico di 2/3 m. circa.

Come si gioca: non esiste una regola di gioco precisa: l’importante è decidere insieme una sequenza di salti dentro e/o fuori l’elastico,  o pestandolo contemporaneamente con entrambi i piedi, ripetendo la sequenza sempre ad altezze maggiori. L’elastico può essere retto da altri due giocatori che lo posizioneranno all’inizio all’altezza delle caviglie e poi man a mano che si va avanti nel gioco, all’altezza dei polpacci, delle ginocchia, cosce e così via. Vince chi arriva più in alto senza sbagliare.

QUATTRO CANTONI

Cosa occorre: nulla, basta essere  in 5 partecipanti

Come si gioca: si fa la conta e si sceglie il giocatore che starà al centro dei cantoni. Gli altri 4 si posizioneranno ai 4 angoli della piazza, cortile o giardino e faranno appunto i “cantoni”. Lo scopo è scambiarsi di posto con un altro cantone senza che chi sta in mezzo ci rubi il posto libero. Se ci riesce, lui diventa un cantone e noi staremo al centro per il prossimo turno.

Che ne dite? Vi è venuta voglia di uscire?


Continue Reading