Tag Archives : dolci

halloween

HALLOWEEN LA FESTA CHE PIACE AI BAMBINI

Conto alla rovescia per la festa più mostruosa dell’anno, ma anche la più divertente, quella che piace tanto ai più piccoli. Perché la notte di Halloween è sì la notte dei mostri, ma nel loro immaginario sono mostri buoni, simpatici, un pò maldestri e cialtroni; e pazienza se si tratta di una festa “importata” che fa storcere il naso a molti. A tutti i bambini piace e quindi perché non vederla come una sorta di “carnevale d’inverno”, senza per questo profanarne il significato?

DIVERTIAMOCI CON HALLOWEEN

La festa di Halloween è anche una festa con tanti preparativi: la tradizione della zucca intagliata “scaccia streghe”, ha oramai contagiato tutti. Sono moltissimi i negozi che ne vendono di tutte le forme e grandezze, unico imperativo è che sia arancione e poi basta dar sfogo alla fantasia per intagliarla più spaventosa che mai.

Tantissimi i lavoretti homemade che potete fare con i bambini e che serviranno ad addobbare la casa, ad esempio IL RAGNO CARLO MAGNO, facile da realizzare e con pochi materiali e potete anche cimentarvi in una seduta di cucina per realizzare golosi MUFFIN DI ZUCCA.

Halloween è anche sinonimo di Dolcetto Scherzetto? ed è oramai un rito sentir suonare il campanello di casa al calar del sole, aprire la porta e trovarsi davanti degli scugnizzi allegri e festanti, alla faccia dei mostri e delle streghe. Sempre per le idee fai da te, potete seguire il nostro tutorial per un FUORIPORTA PER DOLCETTI.

Halloween è travestimento: scheletri, ragni, vampiri, pipistrelli, niente fa paura se è incorniciato da gridolini e risate. Anche la maschera più cupa, nell’ultima notte di ottobre, non fa paura a nessuno.

Halloween infine è festa. Una festa che dura lo spazio di una notte, per i più piccoli giusto qualche ora, ma è una festa così allegra e rumorosa che non sembra evocare niente di spaventoso.

A breve tutti gli appuntamenti della regione.


(Su alcuni dei link dell’articolo, Umbria for Mummy ha un’affiliazione e ottiene una piccolissima quota dei ricavi, senza variazioni di prezzo per te. Comprando attraverso di essi ci aiuti a portare avanti il nostro progetto).

Continue Reading
crepes

CREPES, DALL’ANTIPASTO AL DOLCE

Le crepes sono uno dei piatti preferiti dai bambini. La loro forma semplice, il fatto che siano morbide da mangiare con il ripieno sempre gustoso, salato o dolce che sia, le rendono una pietanza che attira da sempre anche i più piccoli. Mangiare delle crepes con il giusto ripieno, poi significa anche fare un pasto completo, e se vogliamo toglierci lo sfizio, è un dolce perfetto o una merenda da leccarsi i baffi.

Le crepes si adattano perfettamente alle più differenti occasioni: il buffet di una festa di compleanno, il piatto unico di una cena all’ultimo minuto, una portata ad effetto per i palati più esigenti. Sono veramente tanti i modi in cui gustarla, dall’antipasto al dolce. Vediamo insieme alcuni modi su come cucinare una crepe.

CREPES: L’IMPASTO

Partiamo dall’impasto che è sempre lo stesso, sia che si intenda fare crepes dolci o salate. Servono pochi ingredienti, pochissimi minuti: perfetto come salva cena.

Cosa serve per preparare la pastella

  • 250 gr di farina 00
  • 500 ml di latte
  • 3 uova

Come si fa la pastella

  1. Rompete le uova in una ciotola, sbattetele energicamente e aggiungete il latte un poco alla volta
  2. Aggiungete la farina setacciata sempre poco alla volta per evitare la formazione di grumi
  3. Dopo aver raggiunto la consistenza cremosa della pastella, coprite con una pellicola e lasciate in frigo per almeno 30 minuti

CREPES: COME SI FA

  1. Ungete una padella antiaderente sufficientemente larga con un poco di burro. L’ideale sarebbero le crepiere. Ne esistono di diversi modelli, crepiera da gas e crepiera elettrica, alcune fornite di ciotola per l’impasto e spatola.
  2. Versate un mestolo di pastella lasciando che copra velocemente tutto il fondo della padella o della crepiera
  3. Lasciate cuocere un minuto per lato. Per girare la crepe aiutatevi con le apposite spatole, o in mancanza, un piatto o un coperchio di una grandezza leggermente superiore alla padella.
  4. Trasferite la crepe in un piatto e continuate fino alla fine della pastella.

Ora pensiamo a come farcire le nostre crepe e farne dei piatti deliziosi!

Per delle crepes salate con una facile farcitura, basterà usare qualche affettato e del formaggio morbido, prosciutto cotto ed emmental, prosciutto crudo e provola, stracchino e rucola, salame e caciottina.

Perfetto anche il ripieno di verdure, zucchine, peperoni, melanzane grigliate o in alternativa una crepe caprese con pomodoro e mozzarella

Se volete usare le crepes per un primo piatto, potete pensare di realizzare una lasagna o un tortino, da condire con del semplice sugo al pomodoro, pesto o con besciamella e verdure. Non vi consigliamo ragù e sughi troppo carichi e elaborati perché mal si addicono all’impasto fine e leggero della crepe.

Per le crepes dolci consigliare è molto difficile, a noi piacciono tutte. Crema e frutti di bosco, miele, marmellate di tutti i gusti, frutta sciroppata e poi l’immancabile nutella.


Continue Reading
caccia all'uovo

COME ORGANIZZARE UNA CACCIA ALL’UOVO

La caccia all’uovo è una tradizione pasquale ereditata dagli USA, ma che oramai è molto diffusa anche in Italia. Piace molto ai bambini e può essere praticata sia all’esterno che, in caso di maltempo, all’interno ed è perfetta per il rallegrare il giorno di Pasqua e Pasquetta.

Caccia all’uovo: ecco le dritte di U4M!

L’occorrente è molto facile da reperire e anche l’impegno per organizzarla è minimo: ciò rende questa tradizione alla portata di tutti e allo stesso tempo molto divertente.

Cosa serve

Ingrediente principale sono le uova. Potrete sceglierle secondo i vostri gusti: vere, sode, di plastica, decorate, di cartapesta, di cioccolato. Decidete in base all’esigenza e all’età dei bambini. Nel caso in cui optiate per quelle di plastica, potete decidere di mettere al loro interno piccole sorprese, per rendere la caccia ancora più accattivante; nel caso decidiate per quelle vere, ricordate che si possono rompere e, nel caso in cui non siano sode e siate all’interno, sporcare un pò.

Munitevi poi di piccoli cestini, dove i partecipanti potranno mettere le uova che troveranno. Nel caso non ne abbiate, possono andar bene anche delle piccole buste o delle scatoline di cartone. Di sicuro il cestino è il più rappresentativo e il più ambito dai bambini perché ricorda molto la primavera e un pic nic di pasquetta.

Come fare

Nascondete le uova, considerando l’età dei bambini che partecipano alla gara. Posti facili e intuitivi nel caso siano molto piccoli, un pò più complicati per i più grandicelli o addirittura con l’aggiunta di indizi come una vera caccia al tesoro. Alcune idee? Sotto il tavolo, dentro un vaso, attaccato con lo scotch sotto una sedia, coperto da dei cuscini, mimetizzato tra l’erba: insomma, basta guardarsi intorno e lasciar andare la fantasia.

Per rendere la caccia all’uovo più divertente, potete anche decidere di nascondere uova di colore diverso, assegnarne uno ad ogni squadra o ad ogni bambino, che dovrà cercare solo le uova del colore assegnato, oppure scrivere su ogni uovo un numero e vincerà chi avrà totalizzato il punteggio più alto.

Si può anche stabilire un premio finale, non solo per il vincitore, ma da condividere: un uovo speciale, un dolce pasquale, dei disegni da colorare … a voi la scelta e BUONA CACCIA ALL’UOVO A TUTTI!


Continue Reading
crumble di mele

CRUMBLE DI MELE: LA NOSTRA RICETTA

La mela tra tutti è di sicuro il frutto più famoso dell’inverno, molto amato dai bambini. Con le sue numerose qualità soddisfa tutti i gusti e può essere impiegata in cucina in tanti modi diversi. E’ perfetta per la preparazione di dolci e di piatti di frutta gustosi. Dalla classica torta di mele alle mele cotte al forno. Noi vi proponiamo una ricetta di origine inglese che è una vera coccola per il palato. Forse poco calorica, ma perfetta per utilizzare le ultime mele di stagione che avete nel frigorifero!

CRUMBLE ALLE MELE

Cosa serve (4 persone)

  • 6 mele golden
  • 150 gr  di zucchero possibilmente di canna
  • 130 gr di farina 00
  • 1 limone
  • 2 cucchiaino di cannella
  • 50 gr di burro

Come si fa

Tagliate a spicchi grossolani o a cubetti le mele.

Mettetele a cuocere in una padella dove avrete sciolto una noce di burro, insieme a 100 gr  zucchero, al succo di limone e ad 1 cucchiaio di cannella.

Lasciate dorare qualche minuto e togliete dal fuoco

Preparate il crumble mescolando la farina con lo zucchero rimasto e la cannella fino ad ottenere un impasto granuloso.

Imburrate una cocotte o più cocotte monoporzione, distribuite sul fondo le mele cotte e ricoprite con il crumble.

Cuocete per circa 30 minuti in forno preriscaldato a 180°.


Continue Reading
cioccolentino 2017

CIOCCOLENTINO 2017: I GIORNI DELLA DOLCEZZA

Per festeggiare San Valentino non c’è modo migliore che partecipare a CIOCCOLENTINO 2017, la kermesse sul “nettare degli dei”, che si tiene ogni anno a Terni e che ad ogni edizione si rinnova e si arricchisce di appuntamenti.

CIOCCOLENTINO 2017: il programma

Si parte venerdì 10 febbraio e si va avanti fino al 14 febbraio. L’hashtag ufficiale della manifestazione è #amoriincorso e si ispira al fatto che l’amore va costruito ogni giorno con dedizione per diventare speciale e essere amore vero e duraturo.

A CIOCCOLENTINO 2017 potrete godervi degustazioni uniche, con gli abbinamenti più insoliti e prodotti nazionali ed internazionali. Degustazioni al buio, degustazioni guidate, aperitivi di coppia e dolci giochi a due, ma ricordatevi di prenotarvi sul sito.

CIOCCOLENTINO 2017 è anche workshop, lezioni dimostrative di pasticceria e cake design! Torna, anche per quest’anno il tanto atteso contest Love Cake, dal titolo Un amore, una città, per creare torte monumentali ispirate alla città che ha visto nascere un amore. Le coppie in gara si sfideranno nei giorni dell’evento, per poi lasciare spazio alla giuria che sceglierà le torte più rappresentative e decreterà il vincitore nella giornata finale del 14 febbraio.

Da non perdere l’occasione di dirsi I Love You and we love Thun davanti Teddy, l’orso gigante e simbolo dell’azienda Thun. In Piazza della Repubblica, tutte le coppie potranno farsi immortalare in delle foto ricordo che saranno postate sulla pagina ufficiale Facebook THUN Shop Terni. Quella che riceverà più like si aggiudicherà il dolce Teddy gigante firmato Thun, da ritirare al punto vendita di Corso Vecchio.

Sempre in Piazza della Repubblica, nell’area Rossi Spa, con Ciok si Gira by Mercedes Benz tutti i golosi visitatori di Cioccolentino potranno essere attori per un giorno e, chissà, diventare i protagonisti del nuovo spot Mercedes Benz, che ha scelto Cioccolentino per i divertenti provini. Il vincitore riceverà anche in premio un romantico weekend in un Wine Resort.

CIOCCOLENTINO 2017 ed i bambini

Non mancheranno neanche quest’anno spazi dedicati ai più piccoli con laboratori di pasticceria e cioccolateria I Pasticcioni e Baby Cake,  Tortino e i suoi “amici”, giocolieri, trampolieri, musicisti e artisti di strada. Tra i laboratori per piccoli vi segnaliamo RiciclArte, sul riciclo artistico per imparare che tanti materiali possono avere una seconda vita.

Infine tanti eventi collaterali itineranti per le vie della città e gli immancabili Shop dove poter acquistare una tavoletta di dolcezza da portarsi a casa.


Continue Reading
ciambelle

CIAMBELLE DI CARNEVALE PER UNA MERENDA GOLOSA

Carnevale è sinonimo di dolci, struffoli, frappe, castagnole e tanti altri, alcuni tipici della nostra regione, altri che si assaggiano un pò ovunque e che anche in diverse versioni, rallegrano le tavole nelle feste mascherate. Le ciambelle di Carnevale sono di sicuro tra questi. Di ricette e versioni ce ne sono tante, ma a noi  piace consigliarvi questa perché è semplice, veloce e non prevede tempi lunghi di lievitazione. E’ un pò una ricetta della nonna per avere il gusto delle ciambelle fatte in casa.

Le Ciambelle di Carnevale

Cosa serve?

500 gr di farina 00 (oppure 250 gr 00 e 250 gr manitoba)
120 gr di zucchero
160 gr di burro
3 uova
1 bustina di lievito vanigliato
1 bustina di vanillina
olio per friggere

Come si fa?

Setacciate la farina in una ciotola
Sbattete a parte lo zucchero con le uova, dopodiché unitelo alla farina.
Ammorbidite a temperatura ambiente il burro e aggiungetelo al composto.
Aggiungete per ultimo il lievito vanigliato e la vanillina.

Amalgamate fino ad ottenere un composto liscio ma consistente, nel caso risultasse troppo duro potete aggiungere un pò di latte, ma non troppo perché dovrete ottenere una palla di pasta compatta e non troppo soffice.

Avvolgete l’impasto così ottenuto in una pellicola trasparente e lasciate riposare in un luogo fresco o addirittura in frigorifero per almeno mezz’ora.

Tirate la pasta con il mattarello fino ad ottenere una sfoglia non molto fina da cui ricaverete dei dischi di uguale diametro con il buco nel mezzo. Per questa operazione potete usare anche un bicchiere o qualsiasi attrezzo da cucina che vi permetta di ottenere la forma di una ciambella.

Scaldate l’olio per friggere e immergetevi un pò alla volta le ciambelle di pasta; lasciate cuocere fino a che non risulteranno dorate, scolatele bene e passatele nello zucchero semolato o vanigliato o nel cacao in polvere e servite.

Un paio di dritte per una frittura a regola d’arte

Quale olio e quanto? L’olio consigliato per friggere è quello di arachide anche se molti preferiscono olio extravergine d’oliva che però può dare alla frittura un sapore troppo forte. La quantità deve essere tale da permettere di coprire il cibo, quindi non lesinate e anche se vi sembrerà strano, il fritto verrà più leggero e meno unto.

Come faccio a eliminare gli odori? Friggere senza odore è quasi impossibile! Con piccoli trucchi, però, possiamo di sicuro limitare i danni. Una fettina di mela o la buccia di un limone, aggiunti nell’olio a freddo possono far molto. Dopo la frittura, infine, per eliminare gli odori residui, basterà far bollire un pò d’aceto in una pentola d’acqua.


Continue Reading
Natale-a-Faiolo

LA MAGIA DEL NATALE A FAIOLO

Sabato 17 e domenica 18 dicembre, assaporate la magia del Natale a Faiolo, comune di Montegabbione. Una manifestazione dove il Natale sarà ovviamente il protagonista e con lui tutti i bambini che parteciperanno.

Natale a Faiolo: gli appuntamenti

Si inizia sabato 17 dicembre alle ore 15:30 con l’apertura del mercatino natalizio. Alle ore 16:30 sarà la volta del laboratorio di cucina per bambini BiscottiAMICI e per tutto il resto della giornata musica natalizia per le vie del paese. Per chi volesse tirar tardi e giocare al gioco simbolo di questo periodo, alle ore 21:00 verrà organizzata la Tombola.

Domenica il mercatino apre alle ore 10:30 e sarà possibile fare una gustosa colazione a base di cioccolata. Alle ore 15:30 il Teatrino Kamishibai porterà in scena lo spettacolo Storie Di Natale e subito dopo alle ore 17:00 si potrà assistere allo show degli Sputafuoco. Alle ore 18:00, infine, arriverà lui, Babbo Natale, a cui consegnare la letterina.

Per tutto il week end dolci natalizi da gustare, trucca bimbi, animazione e un vero e proprio calesse per viaggiare alla scoperta del paese.


Continue Reading
Natale in Umbria

COSA FARE A NATALE IN UMBRIA CON I BAMBINI

Il periodo natalizio è alle porte e con i bambini si sa questo è il più magico dell’anno, carico di atmosfera e ricco di momenti speciali. Nel corso dell’ultimo mese vi abbiamo raccontato dei Mercatini, dei Presepi, degli eventi, laboratori e di tutto ciò che può rendere indimenticabile trascorrere il Natale in Umbria. Continueremo a farlo, segnalandovi i Presepi Viventi che non potete assolutamente perdere e tanti altri appuntamenti da vivere con tutta la famiglia, per la felicità vostra e dei vostri figli.

Natale in Umbria con i bambini

Visitare l’Albero di Gubbio 

Nasce per l’opera di volontari l’Albero di Natale più grande del mondo. Sulle pendici del Monte Ingino si snodano punti luce di diversi colori che richiamano proprio l’abete addobbato a festa per ben 400 m di base e circa 700 m in altezza, più la stella cometa sulla punta, per un totale di oltre 1000 luci. Uno spettacolo unico nel suo genere che non può non lasciare stupiti tutti. Dal 7 dicembre potrete ammirarlo da ogni punto della città, nelle sue diverse angolazioni o anche dal colle di fronte, per una visuale ancor più panoramica. Ai piedi dell’albero mercatini e il Villaggio di Babbo Natale.

Ammirare La Stella di Miranda a Terni 

Anche a Terni troverete un primato, La Stella di Miranda: è la stella cometa più grande del mondo, con una coda di ben 350 m. Sorge sul colle del borgo di Miranda e accende l’atmosfera natalizia in tutta la città di Terni. Rimane accesa dall’ 8 dicembre al 6 gennaio.

Pattinare sul ghiaccio nei centri storici 

L’idea perfetta per un pomeriggio in famiglia: perché si sa, muoversi e scivolare su un manto tutto bianco crea la giusta atmosfera per questa attesa. Perugia, Terni, Todi, Trevi, Gubbio: sono tanti i posti dove provare questo sport adatto a tutti e trascorrere un sereno Natale in Umbria;  per i più piccoli anche con l’ausilio di appositi sostegni che renderanno la passeggiata divertente e sicura.

Visitare la Casa di Babbo Natale a Todi 

Passare una domenica tra le vie di questa cittadina è di sicuro un bel modo per anticipare il Natale. Le luminarie particolarmente curate, la pista di pattinaggio in Piazza, l’esposizione dei presepi presso i Giardini Oberdan, i Portici, la Casa di Babbo Natale allestita all’interno di un palazzo di Piazza del Popolo, renderanno la passeggiata molto natalizia. Come iniziativa collaterale, poi, ogni mercoledì a partire dal 7 dicembre alle ore 16:00 presso la Biblioteca Comunale, Natale In Biblioteca, un ciclo di incontri di lettura e spettacolo per ragazzi a partire dai 7 anni.

Visitare il Presepe nel pozzo a Orvieto

La storia della natività rappresentata in un luogo molto suggestivo, il complesso ipogeo Pozzo della Cava, dove le prime grotte ospitano un’introduzione al presepe che verrà allestito nel pozzo, la grotta più grande. Il Presepe sarà visitabile dal 23 dicembre al 7 gennaio, tutti i giorni dalle ore 09:00 alle 20:00. I bambini sotto i 5 anni entrano gratis.

Incontrare Babbo Natale a Massa Martana

A partire da venerdì 4 fino a giovedì 8, Babbo Natale vi aspetta presso il centro storico di Massa Martana. Venite a conoscere lui, i suoi elfi, i natalini e i personaggi più famosi dei cartoni. Spettacoli di magia, teatro di burattini, laboratori e consegna delle letterine presso il suo Villaggio. Anche a Montefalco sarà possibile incontrare Babbo Natale e consegnargli personalmente la letterina.


Continue Reading
Unti e Felici

UNTI E FELICI: SPORCHIAMOCI LE MANI

Anche quest’anno torna, per la sua IV edizione, in Corso Bersaglieri a Perugia, il festival del cibo da strada UNTI E FELICI.

Sabato 10 e domenica 11 settembre, un week end dedicato a tutte le specialità umbre e non solo, e sulla loro versione street food. Stand e food truck per assaggiare l’immancabile torta al testo, tutta la norcineria, tartufi e pesce di lago. Direttamente dalle marche, le olive ascolane e gli arrosticini abruzzesi, le frise pugliesi e gli arancini siciliani, e direttamente dagli USA, il cup cake.

Queste sono solo alcune delle specialità che potrete gustare assaporando la libertà di circolare senza pensieri per le vie del borgo chiuso al traffico.

Unti e Felici: oltre al cibo c’è di più

Lo street food inoltre si inserisce in un programma di due giornate ricco di tanti altri eventi collaterali, mostre, esibizioni e cooking show e si apre con il taglio del nastro per il 156° anniversario della liberazione della città dal dominio pontificio. Il Corso per l’occasione sarà imbandierato a festa e la fanfara si esibirà in un concerto lungo le vie del borgo.

Ai più piccoli piacerà l’animazione di Claps per tutto il sabato pomeriggio in Corso Bersaglieri e per domenica il raduno di auto d’epoca previsto alle ore 9:00, inoltre sempre per domenica presso la Bottega di San Giovanni, i nostri bambini si divertiranno con un laboratorio gratuito per fare dolci.


Continue Reading
panzanella

I MILLE VESTITI DELLA PANZANELLA

La panzanella è uno dei piatti tipici della nostra regione, anche se le sue origini sono da ritrovare in Toscana, dove nasce come piatto da riciclo per il pane raffermo. La panzanella è un piatto povero ma completo, proveniente dalla tradizione contadina ed oggi ha conquistato un posto in bellavista in molti menù di ristoranti sotto le più diverse vesti e con varianti da piatto stellato che si prestano ad essere servite sia come antipasti sia come piatti unici e addirittura come contorni e dessert… ma partiamo con la ricetta base.

PANZANELLA CLASSICA

Che cosa serve:
Pomodori, cetrioli, cipollotto rosso, basilico.
Pane raffermo
Olio, sale e aceto per condire

Come si fa: 
Tagliate in maniera sottile le cipolle, sbucciate e tagliate a dadini il cetriolo, fate la stessa cosa con il pomodoro, eliminando i semi.

Private il pane della crosta e bagnatelo leggermente con olio e aceto.

Ora avete due possibilità, o sbriciolarlo in una grande ciotola dove aggiungere le verdure precedentemente preparate e condire con olio, sale, pepe nero e basilico a pezzetti, oppure lasciare le fette intere, tipo bruschetta, in un piatto sufficientemente ampio, e deporvi sopra le verdure precedentemente condite.

Si consiglia di non condire troppo tempo prima di servire e di mantenere comunque la panzanella in frigo per una mezz’oretta.

PANZANELLA CROCCANTE

Per la panzanella croccante occorre seguire lo stesso procedimento indicato per la versione classica, l’unica differenza è la consistenza del pane che dovrete tagliare a fette alte da grigliare e poi ridurre a grossi dadi da aggiungere all’insalata di verdure, per un gusto più consistente. Noi l’abbiamo provata anche con le friselle pugliesi, per un risultato veramente ottimo.

PANZANELLA ESAGERATA

Per far sì che la panzanella sia veramente un piatto unico, alla panzanella croccante è possibile aggiungere altre verdure e ingredienti vari, senza snaturare il piatto. Sedano, olive, fettine di uovo sodo, pezzetti di patate precedentemente lessate, peperoni e per gli amanti dei sapori più completi, perfino tonno. Qui più che una panzanella avrete una vera insalata ricca e completa, perfetta nelle giornate calde d’estate e per un pic nic sull’erba.

PANZANELLA DI MARE

Si parte con la ricetta base della panzanella croccante a cui aggiungere spiedini di gamberi o mazzancolle alla griglia. Nella versione più golosa, i tocchetti di pane, possono essere addirittura rosolati in burro salato.

PANZANELLA DOLCE

Cosa serve:
Mele, arance, limone, fragole, cocomero, melone… frutta di stagione secondo disponibilità e gusti.
Zucchero
Pistacchi o altra frutta secca
Foglioline di menta
Pane brioche

Come si fa:
Lavare, sbucciare, preparare tagliando a dadini la frutta scelta, scegliendo tra quella che preferite e che è di stagione.

Spremere il succo del limone e dell’arancio, aggiungere un cucchiaino di zucchero e mescolate.

Tostate il pan brioche e spezzettatelo in una ciotola, versatevi sopra la frutta e bagnate con il succo dell’arancio.

Cospargete di pinoli tritati o altra frutta secca, secondo i gusti e decorate con foglie di menta.

Cucinare la panzanella è molto semplice, occorre poco tempo e altrettanti ingredienti. Vi raccomandiamo però la loro freschezza e genuinità, perché solo così, un piatto base come questo, può rendere speciale un pasto.


Continue Reading