Tag Archives : idee per l’estate

indispensabili per il mare

GLI INDISPENSABILI PER IL MARE

Cosa mettere in valigia prima di partire per le vacanze? Oltre a costumi e parei ci sono oggetti che, in vacanza, potrebbero semplificarvi la vita e per cui vale la pena trovare un posticino.

Gli indispensabili per il mare

PER ESSERE SEMPRE AL TOP!

State per uscire, avete appena completato il look, siete strepitose e pronte a godervi la vostra giornata al mare o la vostra serata d’estate? E poi spunta lui, un pelo, là proprio dove non dovrebbe esserci e si vede così bene da rovinarvi l’umore. Niente panico VEET SENSITIVE PRECISION fa al caso vostro. Ritocca e definisce le parti più sensibili del corpo, in una sola passata. Veloce e delicato, è proprio quello che ci vuole in estate per i ritocchi veloci, ma è così piccolo che si può portare ovunque, persino in borsetta.

PER ESSERE SICURI IN ACQUA

Una novità assoluta per quest’estate e perfetto per mare, lago e piscina: BRACCIALETTO ANTI ANNEGAMENTO. Per i ragazzi che fanno le loro prime esperienze in autonomia in sport acquatici, per i “nuovi” nuotatori, o semplicemente per chi in acqua non si sente sicuro. Si tratta di un semplice braccialetto da mettere al polso il cui funzionamento è molto semplice. All’occorrenza, un piccolo gesto attiverà la boa di galleggiamento rendendo la permanenza in acqua molto sicura.

PER LA TUA COMODITÀ

In spiaggia stendiamo il telo, per poi trovarlo dopo neanche un minuto pieno di sabbia; così ci rialziamo lo puliamo e lo stendiamo di nuovo. Dopo neanche un minuto siamo al punto di partenza e specialmente se abbiamo bambini, alzarsi per pulirlo di nuovo è del tutto inutile. Il TELO ANTISABBIA è di un tessuto “setaccio” che spazzerà via la sabbia senza che ve ne accorgiate. Nel caso in cui la quantità di sabbia fosse elevata, basterà semplicemente una passata della mano e il telo tornerà pulito.

E perché non regalarci anche la comodità di un LETTINO GONFIABILE? Poco ingombrante e leggero, sta in una semplice sacca zaino e all’occorrenza diventa un divano, un lettino per la spiaggia e anche un materassino galleggiante per il mare.

PER DIVERTIRSI

Sotto l’ombrellone, nelle ore più calde, che ne dite di una partita a UNO? Gioco divertentissimo che piace a tutti e adatto ai bambini dai 6 anni in su. Per il mare e la piscina esiste anche la versione impermeabile del gioco, UNO H2O.


Continue Reading
Giochi in cortile

GIOCHI IN CORTILE DI UNA VOLTA

Non manca molto alla fine dell’anno scolastico, oramai la primavera è nel suo clou e con l’arrivo dell’estate, rimanere chiusi in casa proprio non si può. Passare del tempo all’aria aperta con i propri figli è un vero toccasana e non serve poi molto, per passarlo divertendosi. Perché non rispolverare allora i giochi in cortile che si facevano una volta?

Molti bambini, purtroppo, presi da mille tecnologie nemmeno li conoscono, mentre invece sono un’ottima occasione, non solo per stare all’aria aperta divertendosi, ma anche per fare un pò di movimento che non fa mai male, né a loro né a noi.

Già lo scorso anno con l’arrivo della bella stagione ve ne abbiamo ricordati alcuni: riapriamo anche ora il baule dei ricordi e riscopriamone un altro pò.

Giochi in cortile: istruzioni per l’uso

LA CAMPANA

Cosa occorre: un gessetto colorato e un sasso.

Come si gioca: disegnate in terra un percorso fatto di dieci caselle rettangolari, una attaccata all’altra e numerate da 1 a 10. Ci sono diverse possibilità di percorso, ma nulla vieta di inventarne una tutta nostra che magari complichi un pò l’esecuzione del gioco, rendendolo più avvincente.

Il giocatore lancia il sasso a partire dalla casella con il numero più basso e saltellando su una gamba sola, deve compiere tutto il percorso ad eccezione della casella dove si trova il sasso. Una volta raccolto, senza appoggiare la gamba sollevata, termina il percorso. Se ci riesce tocca ancora a lui e cercherà di tirare il sasso nella casella con il numero immediatamente successivo; se non riesce o durante il percorso, appoggia la gamba in aria, passa di mano.  Vince il giocatore che per primo percorrerà tutta la campana.

Per chi non avesse un posto dove poter disegnare la campana o volesse qualcosa di più moderno, esistono in commercio delle pratiche campane da giardino con “sasso” annesso.

GIOCO DELL’ELASTICO

Cosa occorre: un elastico di 2/3 m. circa.

Come si gioca: non esiste una regola di gioco precisa: l’importante è decidere insieme una sequenza di salti dentro e/o fuori l’elastico,  o pestandolo contemporaneamente con entrambi i piedi, ripetendo la sequenza sempre ad altezze maggiori. L’elastico può essere retto da altri due giocatori che lo posizioneranno all’inizio all’altezza delle caviglie e poi man a mano che si va avanti nel gioco, all’altezza dei polpacci, delle ginocchia, cosce e così via. Vince chi arriva più in alto senza sbagliare.

QUATTRO CANTONI

Cosa occorre: nulla, basta essere  in 5 partecipanti

Come si gioca: si fa la conta e si sceglie il giocatore che starà al centro dei cantoni. Gli altri 4 si posizioneranno ai 4 angoli della piazza, cortile o giardino e faranno appunto i “cantoni”. Lo scopo è scambiarsi di posto con un altro cantone senza che chi sta in mezzo ci rubi il posto libero. Se ci riesce, lui diventa un cantone e noi staremo al centro per il prossimo turno.

Che ne dite? Vi è venuta voglia di uscire?


Continue Reading
giochi di una volta

GIOCHI DI UNA VOLTA DA FARE ALL’APERTO

L’estate è ormai esplosa da parecchi giorni; dopo un inverno passato in casa ed una primavera un po’ troppo bagnata, abbiamo ancora tutti voglia di vita all’aperto. I parchetti si sono animati, nelle piazze e nei vicoli scorrazzano bici e i cortili dei palazzi si sono popolati di bambini e ragazzi vogliosi di libertà. Ecco alcuni giochi di una volta da poter fare all’aperto per riempire le calde giornate estive e le serate sotto le stelle, perché sia un’estate veramente spensierata e indimenticabile. Sono giochi semplici, con regole facili da seguire anche per i più piccoli e che richiedono poco o niente. Pure voi potrete cimentarvi insieme ai vostri figli per tornare un po’ bambini e ricordatevelo: il gioco è una cosa seria!

LA CORSA DEI BIRILLI

In quanti si gioca: da 2 in su.

Cosa serve: un birillo a partecipante o, se non li avete, un bicchiere pieno d’acqua. Questo aumenterà la difficoltà, ma renderà il gioco molto più divertente.

Come si gioca: inventare un percorso ad ostacoli, utilizzando sassi, palle, piccoli rametti e quello che avete a disposizione. Si parte tutti insieme e ogni giocatore dovrà fare il percorso ad ostacoli tenendo sul palmo della mano il birillo o il bicchiere d’acqua, senza farlo cadere. Vince chi per primo raggiunge il traguardo.

IL GIOCO DELLA PATATA

In quanti si gioca: da 2 in su.

Cosa serve: una patata e un cucchiaio a partecipante.

Come si gioca: dopo avere deciso il percorso, ciascun partecipante si pone sulla linea di partenza e al via cerca di spingere la patata facendola rotolare con il cucchiaio fino al traguardo. Il primo che ci riesce vince la gara.

IL PRIGIONIERO

In quanti si gioca: almeno 5 giocatori.

Come si gioca: tutti i giocatori, tranne uno, si mettono in cerchio e si prendono per mano. Il bambino rimasto, sta al centro del cerchio e sarà il prigioniero che tenterà con ogni mezzo, di uscirne e liberarsi. Gli altri cercheranno di impedirglielo, ma se ci riesce, tutti dovranno scappare. Il primo che verrà preso sarà a sua volta il prigioniero per la successiva manche.

MOSCA CIECA

In quanti si gioca: da 4 giocatori in su.

Cosa serve: un fazzoletto o una benda.

Come si gioca: un giocatore si  benda gli occhi con il fazzoletto e tenta di acchiappare uno degli altri giocatori, che nel frattempo scapperanno intorno a lui. Quando lo avrà preso, dovrà riuscire ad indovinare, toccandolo, di chi si tratta, se ci riesce sarà lui a doversi bendare e il gioco ricomincia.

E poi non dimenticatevi, la campana, il tiro alla fune, nascondino e tutto quello che vi ricordate della vostra infanzia: oltre ai giochi di una volta sarà bello trasmettere ai vostri figli i vostri ricordi e le vostre emozioni così da animare le lunghe giornate estive. Per i più pigri ecco un ottimo vademecum.


Continue Reading