Tag Archives : libri

Figuratevi

FIGURATEVI…IL FESTIVAL DEDICATO AI BAMBINI

Torna anche questa estate un appuntamento imperdibile per i bambini e le loro famiglie a Perugia: Figuratevi… di essere bambini. Il festival internazionale delle figure animate, giunto quest’anno alla sua trentesima edizione, inizierà il 24 di agosto, con un’anteprima in centro, per poi proseguire fino al 27 presso il percorso verde di Pian di Massiano. Come ogni anno, Figuratevi propone spettacoli di vario genere, laboratori, momenti musicali e tanto altro ancora. Ma vediamo insieme qualche chicca dal programma che gli amici di Figuratevi hanno preparato per noi!

Figuratevi: il programma

24 Agosto – Perugia centro

Presso il centro storico, a corso Vannucci, dalle ore 17:00 si terranno diversi spettacoli: di burattini, itineranti, di pupazzi. Vi suggereriamo di non perdere lo spettacolo finale: E voila nel tuo cielo volerà. Si tratta di uno spettacolo di palloni, musiche e trampolieri.

25 -26-27 Agosto – Area Verde Pian di Massiano

A Pian di Massiano va in scena la parte più ‘succosa’ di Figuratevi.

Ogni giorno i bambini potranno scegliere tra tantissime diverse iniziative. Tutti i giorni ci saranno tre spettacoli diversi (di marionette, con attori, di burattini, ecc…) alle ore 17:30, alle ore 18:30 e alle ore 21:15. I laboratori saranno tantissimi: di fumetti, di origami, scientifici, di yoga, di burattini, di arti visive e tanti altri ancora. Ogni giorno i laboratori si terranno dalle ore 16:30 alle ore 19:30/20:00 a seconda del tipo; alcuni sono divisi per età. Nello stesso orario sarà possibile anche partecipare a numerosi giochi educativi volti a stimolare i bambini su temi legati all’intercultura, all’ambiente, alla salute. Presenti anche giochi e dimostrazioni sulla sicurezza: come Pompieropoli o i giochi di educazione stradale. La biblioteca itinerante del Comune di Perugia, il Bibliobus, sarà presente per tutto il festival e ci saranno anche altri momenti di legati alla lettura, come Fiaba Dolce Fabia.

E per finire, non dimentichiamo le dimostrazioni sportive, dal tennis alla ginnastica ritmica. In più ci sarà il tradizionale mercatino dei ragazzi, in cui i bambini possono proporre in vendita vecchi giochi o oggetti creati da loro.

Allora: siete pronti per un weekend in cui Figurarvi di essere bambini?


Continue Reading
festa della mamma

REGALIAMO UN LIBRO PER LA FESTA DELLA MAMMA

Questo post è un… messaggio subliminale per tutti i papà in ascolto che volessero aiutare i propri figli nella scelta del regalo giusto per la Festa della Mamma. Uomo avvisato, mezzo salvato!

Cosa regalare per la Festa della Mamma?

Beh di desideri da soddisfare ce ne potrebbero essere tanti: dal bagno caldo in santa pace, a quell’ora rubata per andare dal parrucchiere! Ma anche dormire qualche ora filata per notte potrebbe andar bene, o il non dover affrontare continuamente imprevisti ed emergenze. Purtroppo, però, nessuno di questi “doni” si acquista. A volte cade dal cielo senza preavviso, altre è un miraggio che pare irraggiungibile; per questo, allora, per la Festa della Mamma, ci vogliono altre idee, più materiali ma ugualmente speciali, perché fatte con il cuore.

Per la Festa della Mamma perché non regalare un libro, da leggere insieme, o da donare per farla sorridere ma anche riflettere, in ogni caso per dirle “Ti voglio bene“?

Abbiamo selezionato un pò di titoli per voi. Ecco tre libri che sono delle vere e proprie perle, con messaggi profondi che scalderanno il cuore di ogni mamma, ne siamo certi.

LA MAMMA di Mariana Ruiz, Ed. Kalandraka Italia, per la collana I libri per sognare. Un libro bellissimo, poetico, con poche parole d’effetto e immagini stupende. Da regalare alla propria mamma e da sfogliare e leggere con lei. Un libro che è anche un quadro.

URLO DI MAMMA di Jutta Bauer, ed. Nord Sud, che racconta in maniera spiritosa, attraverso la storia di un pinguino e della sua mamma, le mamme di oggi, prese tra mille impegni e preoccupazioni; sotto stress e sempre più ansiose per la paura di non farcela e per la stanchezza che soccombe e che alla fine “sbottano”, urlando, e con l’urlo arrivano tutte le conseguenze del dopo.

CUORE DI MAMMA, perfetto per commuoversi insieme.

Per le mamme che vogliono riderci su!

Per farla ridere un po’, invece, potete puntare su un manuale di maternità, purché sia semiserio. D’altronde sdrammatizzare è il primo segreto per rendere tutto più semplice e questo una mamma lo sa bene (ma vale sempre la pena ricordarglielo).

QUELLO CHE LE MAMME NON DICONO, di Chiara C. Santamaria, ed. BUR.

AMORI DI MAMMA UN #@**%!,di Karen Alperti, ed. Giunti, esilarante e senza peli sulla lingua!

Se vi piace più l’idea del diario, perché parla di un’esperienza reale e la mamma in questione è pure sopravvissuta per raccontarla, allora scegliete:

NONSOLOMAMMA. DIARIO DI UNA MAMMA ELASTICA CON DUE HOBBIT, UN MARITO PART-TIME E UN LAVORO A TEMPO PIENO, di Claudia Elasti De Lillo, ed. TEA.

MAMMA NON SI NASCE di Serena Sabella, ed. Red

Per le future mamme.

Se la mamma in questione è in attesa allora è perfetto NOVE MESI. DIARIO SEMISERIO DI UNA GRAVIDANZA, di Erika Mariniello e Cristiana Mariani, ed. Giaconi. Oppure UNA MAMMA GREE. CRESCERE UN FIGLIO SENZA INQUINARE COME UNA PETROLIERA, di Silvana Santo, ed. Giunti.

Per le mamme sempre di corsa.

Perché non puntare su un aiuto per organizzare meglio l’agenda e la vita? Con i mille impegni di una mamma ce n’è sempre bisogno!
MAMMA PLANNER. COME ORGANIZZARE AL MEGLIO LA GIORNATA, riuscire a fare tutto e avere più tempo per te!, di Adriana Fusè, ed. Gribaudo.

MAMMA CHE AGENDA, di Enrica Michelon, ed. Panda.

Infine due piccoli tascabili che sono delle vere chicche.

MAMMABOLLITA. BOLLE DI BUONUMORE PER MAMME IMPERFETTE, edito da Mondadori e di cui già vi avevamo parlato.

KEEP CALM PER MAMME di E. Tassi, ed. Kowalski, frasi, citazioni, proverbi e consigli, uno per pagina, da leggere e rileggere.


Continue Reading
CaLibro 2017

CaLibro 2017: A MISURA DI BAMBINO

Dal 30 marzo al 2 aprile, torna a Città di Castello la V edizione di CaLibro 2017, il festival del libro e della lettura, organizzato dall’Associazione Il Fondino. Anche quest’anno, gli organizzatori della manifestazione hanno pensato ai più piccoli, con la sezione “Piccoli Calibri”, ricavando spazi a misura di kids per letture animate.

CaLibro 2017: gli appuntamenti per bambino

Sabato 1 aprile e domenica 2 aprile, dalle ore 16:30 alle ore 19:30 presso la Pinacoteca Comunale, letture a rotazione (ogni 30 minuti circa) su “INVITO  A CASA SPORCELLI”:

“Sono cattivi, sporchi e brutti: sono gli Sporcelli! Hanno un’indole malvagia e fanno scherzi orribili. Ma, a volte, gli Sporcelli – e tutti i cattivi come loro – possono rimanere vittime della loro stessa cattiveria…

Benvenuti a casa Sporcelli – Vietato lavarsi per entrare nel libro, è il titolo della sezione “Piccoli Calibri”, a cura di Lucia Girelli e Marcello Volpi, riservata ai lettori più piccoli.
La parte scenografica, curata da Elio ed Emanuela Mariucci, vedrà riprodotto l’ambiente dove si muove l’odiata coppia di protagonisti della storia e i piccoli visitatori, attraversando un enorme pop up, potranno letteralmente “entrare nel libro” per assistere alla lettura animata di brani tratti dall’opera del grande scrittore per bambini.

Nei locali sarà possibile visitare anche una piccola mostra di libri pop up, curata dalla Biblioteca comunale “G. Carducci”. L’ingresso alle letture è gratuito e non necessita di prenotazione in quanto si tratta di letture a ciclo continuo che si ripetono ogni 30 minuti circa.

Per i ragazzi più grandi, magari accompagnati dai genitori, fuori dalla sezione “Piccoli Calibri”, l’appuntamento è con  “DUE UOMINI E UN TOPO”, venerdì 31 marzo alle ore 21:15 presso il Circolo degli Illuminati, Sala degli specchi. Sarà un viaggio nel mondo del personaggio Disney più famoso, le cui avventure da quasi novant’anni appassionano generazioni di piccoli e grandi lettori, in compagnia di due guide d’eccezione: Tito Faraci e Jacopo Cirillo, che vi racconteranno come nascono quelle storie.


Continue Reading
primavera al Post

OFFICINE DELLA DOMENICA: PRIMAVERA AL POST

E’ sbocciata la primavera al POST e con l’arrivo della bella stagione i creativi laboratori domenicali ci porteranno alla scoperta dei segreti della natura e di questa bellissima stagione.

ORTO IN …. BOTTIGLIA!

Domenica 2 aprile

Alcuni semini, una manciata di terra e una bottiglia! Ecco gli ingredienti per realizzare la più originale delle semine.

LA CASA DELLE COCCINELLE

Domenica 9 aprile

Dove vivono le coccinelle e come sono fatte le loro abitazioni? Realizziamo accoglienti rifugi per ospitare questi sorprendenti insetti.

IL LOMBRICAIO

Domenica 23 aprile

Cosa si nasconde sotto i nostri piedi? E perché i lombrichi sono considerati degli amici dell’uomo? Scopriamolo insieme!

UN PRATO FORTUNATO

Domenica 30 aprile

Storia di un quadrifoglio in un campo di trifogli, una profonda e giocosa riflessione sul tema della diversità, nata dalla volontà di Stefano e Paola di raccontare la meraviglia della vita accanto a Mariasole, la loro figlia con la sindrome di Down.
Presentazione teatrale del libro Un prato fortunato, a cura di Marialuisa Morici e Mariasole.

Nel caso in cui le condizioni metereologiche lo permettessero, i laboratori si terranno all’aperto.

Ogni laboratorio inizierà alle ore 16:30 e terminerà alle ore 17:30. Costo unitario € 5,00. Prenotazione obbligatorio al numero 075 57 36 501.


Continue Reading
Storie della buonanotte

STORIE DELLA BUONANOTTE PER BAMBINE RIBELLI

Per celebrare, più che festeggiare, la festa della donna, vogliamo parlare alle donne di domani. E per farlo, parliamo di un libro che è recentemente uscito anche in Italia. Si tratta di Storie della buonanotte per bambine ribelli. 100 vite di donne straordinarie (la versione in inglese la trovate qui). Si tratta di un libro speciale per tante ragioni. Per prima cosa è un libro che parla alle bambine di storie di successo femminili, lontane dagli stereotipi di genere. E sono tutte storie di successo vero: da Serena Williams a Malala Yousafzai, da Rita Levi Montalcini a Frida Kahlo, da Margherita Hack a Michelle Obama. Il libro racconta di 100 donne che hanno usato coraggio e determinazione per seguire e realizzare i propri sogni di diventare scienziate, pittrici, astronaute, sollevatrici di pesi, musiciste, giudici, chef o qualsiasi altra cosa gli abbia detto il loro cuore.

Storie della buonanotte per bambine ribelli: come nasce

«Ci siamo rese conto che il 95 per cento dei libri e dei programmi tv con cui siamo cresciute, non avevano bambine o ragazze in ruoli importanti. Abbiamo fatto un po’ di ricerche e scoperto che le cose non sono cambiate tanto negli ultimi vent’anni, e così abbiamo deciso di fare qualcosa», spiegano le autrici. Francesca ricorda che «nei libri per bambini ci sono ancora molti stereotipi di genere» e i genitori non hanno a disposizione abbastanza cartoni animati, riviste o libri con modelli femminili positivi: «Per questo abbiamo scritto questo libro».

E per sciverlo sono ricorse al crowdfunding, lanciando una campagna su kickstarter, uno dei siti più famosi per la raccolta fondi online. E non solo sono riuscite ad arrivare al target, ma sono diventate la raccolta fondi per un libro per bambini più di successo nella storia del sito.

Storie della buonanotte per bambine ribelli: le autrici

Il libro è speciale per un terzo motivo, che sono le autrici. Elena Favilli e Francesca Cavallo sono due italiane che hanno fondato nel 2012 Timbuktu lab, un progetto editoriale multimediale di qualità, che ha portato prima di questo libro anche ad altri volumi, pensati per i bambini ed i ragazzi del futuro.

(Su alcuni dei link dell’articolo, Umbria for Mummy ha un’affiliazione e ottiene una piccolissima quota dei ricavi, senza variazioni di prezzo per te. Comprando attraverso di essi ci aiuti a portare avanti il nostro progetto).


Continue Reading
9 mesi

“9 MESI” DIARIO SEMISERIO DI UNA GRAVIDANZA

La gravidanza, con i suoi nove mesi, è un momento molto delicato nella vita di una donna. Il corpo si trasforma, gli ormoni impazziscono dentro di noi, le ansie e le paure prendono il sopravvento, in più il “non sapere”, ci fanno sentire inadeguate al nuovo ruolo. Per affrontare tutto ciò e per non dimenticare la bellezza e la specialità di questo momento, perché non riderci su? Erika Mariniello l’ha fatto, ed insieme alla sua amica “la Cri” ha scritto un diario a quattro mani su questi sconvolgenti, ma indimenticabili nove mesi. Noi siamo andati a conoscerla per voi.

9 mesi: conosciamo le autrici

Ciao Erika, prima di raccontarci del tuo libro, parlaci un po’ di te come donna e come mamma. Come si amalgamano queste due figure?

Ciao Umbria for mummy e ciao a tutte le sue lettrici. Descriversi è sempre un po’ complicato. Per fortuna ci ha pensato la mia migliore amica (una delle due, lo sottolineo se no Emanuela si offende) Cristiana, la persona con cui ho scritto “9 mesi”. Sulla quarta di copertina del libro abbiamo pensato di descriverci a vicenda. Secondo Cristiana come donna sono una che ha carattere, sono curiosa e intraprendente. A questo aggiungo qualche difetto: sono una donna sempre iper impegnata, a volte un po’ troppo esigente e con un senso del dovere forse eccessivamente spiccato. Come mamma sono il contrario di quello che pensavo di essere: per nulla apprensiva, poco agitata e piuttosto paziente. E’ un ruolo in cui pensavo di calarmi completamente, invece, nonostante la nascita di mia figlia, ho ricercato fin da subito di riprendere in mano la mia vita e di non lasciar perdere le mie ambizioni e le mie passioni che mi caratterizzano da sempre. E’ d’obbligo parlare anche di Cristiana, mia amica dai tempi dell’università, giornalista di professione come me, spalla su cui negli anni ho riversato tutto, dalle preoccupazioni alle esperienze felici. Non potevo non condividere con lei anche i 9 mesi di gravidanza!

Come è nata l’idea del libro diario e perché hai sentito il bisogno di scriverlo?

Come tutte le belle idee, “9 mesi” è nato per caso. Alla base di tutto c’è una profonda amicizia come vi anticipavo. Con Cristiana, conosciuta sui banchi dell’Università, ho condiviso di tutto in circa 10 anni di intensa frequentazione. Appena sono rimasta incinta lei è stata la persona con cui ho condiviso dubbi, domande, momenti, perplessità. Vivere la gravidanza per una come me che pensa sempre troppo non è stato facile. Avere un compagno accanto come Simone, il mio fidanzato, è stato bellissimo, ma condividere questo momento con un’amica, non ancora madre, è stato il modo più facile per superare tante paure. Abbiamo iniziato a scriverci mail e messaggi, “9 mesi” è nato così, scritto a quattro mani proprio durante la mia gravidanza. Scritto in modo ironico perché io e “la Cri” (come la chiamo sempre io, da brianzola di nascita) amiamo scherzare sulla vita e prenderci poco sul serio.

Non vogliamo la trama completa per non rovinare la sorpresa, ma qualche anticipazione ce la dai?

Ovvio che sì. Vi anticipo che “9 mesi” è un diario a tratti anche illustrato e con qualche spazio per gli appunti delle “quasi” mamme o delle mamme che sono al secondo, terzo, quarto… figlio. E’ un insieme di pensieri veri, tutte esperienze realmente vissute e raccontate con il sorriso. Quaranta settimane e poco più di momenti vissuti e raccontati con ironia da due amiche, una “quasi” mamma alla sua prima esperienza da e una “quasi” zia, lontana anni luce dal pensiero di diventare madre.

Ci sembra che “9 mesi” sia un libro adatto a tutte, a chi mamma lo vuol diventare, a chi lo è appena diventata ed anche alle più veterane. Pensi che la maternità forse sia presa troppo sul serio?

La prima ad aver preso troppo sul serio la gravidanza forse sono stata proprio io. Ho aspettato 33 anni prima di provare a diventare madre e come specifico nel libro sono sempre stata molto, molto attenta. Poi quando sono diventata mamma ho capito di aver fatto benissimo a prendere questa cosa sul serio. La consapevolezza in un passo così importante è d’obbligo, ma come speriamo di trasmettere io e Cristiana nel libro, l’ideale è vivere i nome mesi che anticipano il vero cambiamento della vita, in modo semplice, sereno e divertente, come poi entrambe amiamo trascorrere la vita. Sì, hai detto bene questo libro è adatto un po’ a tutte: a chi sta per diventare madre queste pagine servono come accompagnamento in questo momento bellissimo; chi ha già vissuto l’esperienza può ricordarla leggendo questi “9 mesi”; chi ha fatto questo passo più volte o molto tempo fa, magari può tornare a pensarci su!

Cosa servirebbe oggi ad una mamma per vivere il suo ruolo in maniera più spontanea e, permettimi il termini, anche più spensierata?

Per me servirebbe non sentirsi troppo mamme. Non me ne voglia nessuno, ma essere mamma non preclude o esclude la possibilità di essere donna, compagna, di avere dei sogni e di perseguirli. Recentemente un’amica, Marzia, mi ha detto una cosa bellissima, più o meno così: “sei un esempio, nonostante tu sia madre porti avanti comunque i tuoi sogni, fai bene! Da quando sono diventata madre non ho smesso un attimo di lavorare, di realizzarmi. Sono una giornalista e mi occupo principalmente di viaggi e turismo e nonostante non sia facile, ho sempre cercato e cerco tutt’ora di fare quello che mi rende felice, anche viaggiare per lavoro ed essere impegnata. La spensieratezza è fondamentale per vivere bene i momenti che si riescono a passare coi figli. Anche se sembra una frase fatta vi assicuro che non lo è, l’importante secondo me è curare la qualità del tempo in cui si è madri e in cui si è donne. Essere donne è fondamentale nello stesso modo dell’essere madri, mogli o compagne.

Da quando sei mamma quali sono le aspettative che avevi e su cui ti sei dovuta ricredere?

Come dicevo prima mi sono riscoperta tutta un’altra madre rispetto a quella che pensavo di essere. Devo dire la sincera verità essere madre è difficile, faticoso e a volte molto più complicato delle aspettative, soprattutto con pochi aiuti e un lavoro da freelance. Nonostante tutto mi sento talmente appagata e felice di questa esperienza che la fatica e le preoccupazioni passano in secondo piano. Forse l’ideale, come in tutte le cose, sarebbe non farsele proprio le aspettative. Vada come vada rimane comunque il ruolo più bello da vivere nella vita.

Ora ti chiediamo un messaggio tutto per le nostre lettrici. Cosa vorresti dire alle nostre mamme?

Vorrei dirvi di sorridere, di vivere la gravidanza in modo felice. Non è vero che vi mancherà la pancia (lo dicevano sempre a me e in realtà sto benissimo senza). Non è vero che i dolori del parto si dimenticano (anzi, eppure superarli fa sentire davvero delle grandi donne). Quello che vorrei dire alle mamme è: “sentitevi importanti, camminate a testa alta e cercate di pensare al meglio per i vostri figli ma anche per voi stesse. Avete partorito o lo farete presto, non c’è niente di più bello e di più entusiasmante; sentitevi  forti ma non prendetevi troppo sul serio, anche e soprattutto come madri potete e dovete sbagliare”.

Aggiungo che vorrei ringraziare di cuore Cristiana, autrice insieme a me di “9 mesi”. La ringrazio per esserci sempre e per avermi accompagnato nella scrittura di questo libro che dà grandi soddisfazioni. Sono contenta anche che Simone Giaconi, editore marchigiano che non conoscevo, ci ha permesso di far diventare questa idea una realtà concreta e tangibile. Poi, se posso, ringrazio anche Simone che mi ha permesso di diventare madre e la mia di madre perché se non fosse stato per lei e per il suo sostegno forse “9 mesi” sarebbe ancora chiuso in un cassetto.

Se volete conoscerla meglio e saperne di più, Erika presenta il suo libro venerdì 24 febbraio a Gubbio, ore 18:15 presso la Biblioteca Comunale, Sala ex Refettorio, in Via Fonte Avellana 8.

Potete acquistare il libro di Erika  sul sito dell’editore e su Amazon.

Post scritto in collaborazione con Mammemarchigiane.


Continue Reading
bullismo

LIBRI PER SPIEGARE IL BULLISMO E COME DIFENDERSI

Purtroppo oramai la parola bullismo è quasi quotidiana. Episodi tra i banchi scolastici si verificano molto presto e sempre di più tanto che sembrano rientrare in una normalità che spaventa, che è difficile spiegare e dalla quale lo è ancor più difendersi.Spiegare con parole semplici e chiare un fenomeno dai tratti violenti, che però è doveroso conoscere per non rimanerne schiacciati, non è cosa semplice. Ogni bambino è diverso ed ha un modo tutto suo di sentirsi e di reagire ad eventuali prepotenze.

Conoscere il bullismo inoltre è importante perché permette al bambino non solo di difendersi, ma anche di non compiere lui stesso atti da bullo. Gli permette inoltre di intervenire, per quanto sia possibile, nel caso assista ad episodi di bullismo che non riguardino lui ma altri bambini.

Di sicuro un aiuto per spiegare cos’è il bullismo e come difendersi, ci viene dai libri. Scritti apposta per loro, con un linguaggio che arriva diritto al punto e che offre una visione appropriata e chiara.

Vi segnaliamo alcuni titoli.

Chi ha paura dei bulli? Tea

di Silvia Serelli

“Perché quel bambino mi fa i dispetti? Perché fa sempre l’antipatico? Tea proprio non capisce: quel suo compagno di classe è prepotente e non piace a nessuno! Questa volta Tea avrà a che fare con un bullo… Come se la caverà? “ Età di lettura: da 4 anni.

IL BULLISMO

di Naomi Tipping

Libro pop-up, si caratterizza per la presenza di tanti piccoli suggerimenti concreti per affrontare queste situazioni, incluso il numero verde antibullismo istituito dal Ministero della Pubblica Istruzione. Età di lettura: da 5 anni.

METTI GIÚ LE MANI

di Carmela Borsini

Per difendersi, ma anche per non compiere atti da bulli, consigliamo questo piccolo libro che racconta le situazioni spiacevoli che si possono incontrare a scuola, con suggerimenti e consigli per non essere nè vittima nè prepotente. Età di lettura: da 5 anni

LACRIME DI FRAGOLA 

di Nicola Savino

“Ogni giorno Chiara va a scuola contenta, ma nella sua classe ci sono quattro bambini terribili che la fanno sempre piangere…” un Nicola Savino in veste di scrittore che con questa favola tocca un tema spinoso ma lo fa sorridendo. Eta di lettura: da 6 anni

Per i ragazzi un pò più grandi invece potete ricorrere alla serie arancione del BATTELLO A VAPORE, con IL MIO PEGGIOR … AMICO di Margaret Haddix.


Continue Reading
imparare a leggere

LIBRI PER IMPARARE A LEGGERE

L’amore per la lettura è un piacere che inizia già nei primi mesi di vita di un bambino, quando il genitore amorevolmente introduce le prime storie e i primi libricini. Leggere una fiaba ad esempio è in genere un rito pre-nanna molto apprezzato che aiuta molto nel costruire un legame solido con il bambino e stimola al tempo stesso la comunicazione con lui. Inoltre è anche una buona abitudine che lo accompagna nel sonno, un rituale che rasserena e crea un stato d’animo di estrema soddisfazione.

Imparare a leggere invece è un’altra storia. È la scuola primaria ufficialmente addetta allo sviluppo di questa capacità, anche se già alle materne ci può essere un approccio con le prime lettere e i primi suoni. Diversi bambini già in età prescolare sviluppano, infatti, autonomamente capacità di lettura che poi completeranno tra i banchi di scuola. Al di là del metodo e delle regole che verranno utilizzati per insegnare a leggere, di sicuro l’esercizio alla lettura è fondamentale per un apprendimento pieno e per far sì che la lettura diventi piano piano sempre più semplice e scorrevole e leggere un libro si trasformi in un piacere da ripetere più e più volte.

Per appassionarsi a ciò la scelta del libricino giusto è fondamentale. Occorre qualcosa che sia adatto all’età,  ma che al tempo stesso faccia scattare l’interesse e la curiosità di sapere “come andrà a finire”. Preferibilmente scritto il stampatello maiuscolo, con frasi brevi e ben illustrato.

Qui di seguito una serie di titoli che hanno tutte queste caratteristiche e che ci sentiamo di consigliarvi per perfezionare e completare l’esercizio di lettura iniziato a scuola; da sfogliare insieme o da appoggiare sul comodino della cameretta di vostro figlio certi, che verrà sfogliato.

Libri per imparare a leggere:

IL PRIMO GIORNO DI SCUOLA di Nicoletta Costa

Le emozioni, le sensazioni e la scoperta di un nuovo ambiente, la scuola, che un po’ piace e un po’ fa paura. Testo molto fruibile, con immagini intuitive e una storia dove di sicuro il bambino si identificherà.

VADO A SCUOLA! di Nicoletta Costa

Una versione più completa del primo, con tutte le scoperte che si possono fare tra i banchi a partire dalla scuola materna. Adatto fin dai primi approcci della lettura che, man a mano che il libro prosegue, diventa più articolata.

CORRI ANDREA, ed. il Castoro

Storia appassionante e accattivante, ma che fa riflettere (soprattutto noi genitori) su quanto a volte riempiamo la vita dei nostri figli di impegni e aspettative, neanche fossero manager in carriera.

Tutte le avventure di LA MUCCA MOKA di Agostino Traini, LA MUCCA MOKA E LA SCUOLA DI GELATO, MUCCA MOKA CONTADINAe altri titoli della stessa collana. Semplici, scritti in stampatello maiuscolo, con poche righe per pagina e storie divertenti sapientemente illustrate.

Perfetta per i primi passi verso la lettura è anche la serie bianca della collana de Il Battello a Vapore. Perfetti per il testo ridotto accompagnato da molti disegni colorati.

UN GIORNO SPECIALE di Francesca Mascheroni

Dove tanti piccoli gesti trasformano una giornata in qualcosa di speciale.

LA MATITA DI ROSALIA

Regalata dal papà, ma molto disubbidiente perché scrive ciò che vuole e come lo vuole, mette Rosalia nei pasticci.

GASTONE HA PAURA DELL’ACQUA di Attilio Locatelli

UN AMICO PER DRAGONE , trad. di F. Cristoffanini


Continue Reading

UN LIBRO SOTTO L’ALBERO: MINA E IL GUARDALACRIME

Vanessa Navicelli già la conoscete, è sua la storia di Un Sottomarino in Paese che vi abbiamo raccontato lo scorso Natale. Un libro che parla di guerra ai bambini in modo semplice e non artefatto spiegando, però, quanto questa sia inutile per risolvere i problemi. Ve lo siete perso? Non ve lo ricordate? Cliccate qui per rimediare. Anche per questo Natale abbiamo voluto ospitare Vanessa tra di noi, perché quello che esce dalla sua penna ci piace e non potevamo perderci questa sua nuova storia: Mina e il Guardalacrime!

Mina e il Guardalacrime

Mina e il Guardalacrime ci racconta di Mina, una lacrima in fuga perché stanca di fare la lacrima e di portare dolore a tutti. Vorrebbe essere qualunque cosa, ma non una lacrima, convinta com’è di essere la causa del dolore di molta gente. In questa sua fuga Mina incontra tanti personaggi bizzarri, ma non sembra trovare conforto al suo dramma e quando sta per buttarsi in una pozzanghera, dove affogare il suo triste destino, incontra il saggio Guardalacrime e…

Non possiamo dirvi di più, ma vi consigliamo sinceramente di leggerlo ai vostri figli e insieme ai vostri figli, perché attraverso la storia di una lacrima triste racconterete loro le emozioni e la loro importanza.

Mina e il Guardalacrime  inaugura la collana delle Fiabe Bonbon. Fiabe “buone”, di nome e di fatto. Piccole e dolci come i bonbon. Magia, poesia e tenerezza (a volte un pizzico di umorismo) sono le caratteristiche di queste storie, che possono far leva anche su lettori più adulti. Si sa: un bonbon tira l’altro. Ecco perché a questa prima fiaba ne seguiranno molte altre. Sarà una grande avventura. E i lettori ne faranno parte.

Consigliato dai 4 anni e a tutti quelli che hanno un cuore aperto alla magia. Il libro è accompagnato da 8 tavole a colori illustrate a mano ed illustrazioni a computer: insomma, perfetto per stare sotto l’albero.


Continue Reading
LIBRI SOTTO L'ALBERO

LIBRI SOTTO L’ALBERO: U4M CONSIGLIA

Dei benefici della lettura abbiamo detto più volte; di quanto sia bello e importante leggere ai bambini fin da pochi mesi di età è ormai un dato di fatto; che i libri siano il mezzo per sviluppare tante capacità e volare con la fantasia attraverso i mille mondi che raccontano è un dato su cui tutti, esperti del settore e non, concordano; quindi, cosa c’è di meglio di alcuni libri sotto l’albero? Un regalo sempre apprezzato e su cui difficilmente si sbaglia; e poi ci sono dei testi che sono dei veri e propri capolavori, piccola letteratura dal grande valore che non potete non avere nella vostra libreria e in quella dei più piccoli.

Ecco i nostri consigli di lettura a partire dai 3 anni, ottimi come regali da mettere sotto l’albero e racconti perfetti per le magiche sere delle feste. Iniziamo con una casa editrice che ci piace molto e un autore che ha prodotto tre vere e proprie perle di lettura. A sceglierne uno o addirittura preferirli tutti e tre, non sbaglierete, parola di Umbria for Mummy che li ha provati e testati per voi.

I NOSTRI LIBRI SOTTO L’ALBERO

Una zuppa di sasso

Di Anais Vaugelade, ed. Babalibri. Lettura illustrata adatta ai bambini a partire dai 3 anni.
È notte. È inverno. Un vecchio lupo si avvicina al villaggio dove vivono gli animali …” è una storia bellissima nella sua semplicità che tra le sue parole insegna molto: l’amicizia, la paura per ciò che non si conosce, le diversità di ognuno di noi, l’ingegno quando non si hanno i mezzi e l’importanza della collaborazione e dell’aiuto degli altri per raggiungere grandi obiettivi. Una storia che colpirà sia voi che i vostri figli con i finale tutto da interpretare.

Il compleanno del signor Guglielmo 

Stesso autore e stessa casa editrice. Lettura illustrata per la fascia d’età che va dai 3 anni in su. Un racconto a cinque stelle per festeggiare un compleanno veramente speciale ed insegnare che con quello che si ha, si fa e, nonostante tutto, sarà un gran successo.

L’amico del piccolo tirannosauro

Di Florence Seyvos e Anais Vaugelade, ed. Babalibri. Lettura illustrata a partire dai 3 anni. Un tirannosauro senza amici e un amico topolino che gli insegnerà la pazienza e la tenacia per raggiungere qualunque obiettivo e di quanto sia bello aiutarsi tra amici.

Il fantastico viaggio del signor Acqua

Di Agostino Traini. Attraverso le quattro stagioni un viaggio che spiega il ciclo dell’acqua con illustrazioni molto colorate e veramente esplicative per agevolare la lettura e arricchirla di particolari. Da non lasciarselo sfuggire.

Il sole si mette il pigiama

Dello stesso autore per scoprire il ciclo del giorno e della notte e dei movimenti dei pianeti. Utilissimo se pensate a quanti “perché” chiedono i bambini ai quali nemmeno noi adulti riusciamo a rispondere con facilità.

Il vulcano è una testa calda

Dello stesso autore, ci racconta la storia di un giovane vulcano un pò pazzerello.

Perfetta per far trovare dei libri sotto l’albero ai bambini che stanno muovendo i primi passi verso la lettura è la casa editrice IL BATTELLO A VAPORE. I testi sono scritti in stampatello e le storie, semplici ma divertenti, appassioneranno i piccoli lettori alle prime armi. In più nelle pagine finali troverete giochi e piccoli esercizi sulla storia appena letta.


Continue Reading