Tag Archives : Monti Sibillini

Gole dell'Infernaccio

Gole dell’Infernaccio con i bambini: trekking nei Sibillini

Le gole dell’Infernaccio sono delle gole naturali che il fiume Tenna ha scavato, tra il monte Priora e il monte Sibilla, situate nel Parco Nazionale dei Sibillini. Il percorso parte dal comune di Montefortino, a qualche chilometro dal grazioso borgo di Sarnano. L’itinerario viene proposto in diversi siti come adatto alle famiglie. Essendoci stati da poco vogliamo dire la nostra sulle gole dell’Infernaccio con i bambini!

Gole dell’infernaccio

Il sentiero che comprende la visita alle Gole dell’infernaccio è il sentiero E9 che partendo dalla località di Rubbiano di Montefortino porta fino alle fonti. In realtà, a causa del recente sisma, al momento attuale non è tutto percorribile. Questo non rappresenta un problema, perché l’intero percorso è molto impegnativo e consigliato solo a escursionisti esperti. Il tratto adatto alle famiglie è quello che parte da Rubbiano e arriva fino all’Eremo di San Leonardo ed è perfettamente agibile.

Il primo tratto dell’itinerario è una larga strada di breccia, che porta direttamente fino all’ingresso delle Gole. Delle docce naturali, dette le Piscarelle, devono essere attraversate per poter accedere al sentiero vero e proprio. Superate queste, dovrete procedere tra rocce e vegetazione, con qualche ponte e passerella, lungo il sentiero che via via si fa meno impegnativo. Il percorso continua in una faggeta ombrosa. Nella faggeta il sentiero si biforca, proseguendo sulla destra verso l’Eremo di San Leonardo, che si raggiunge in circa mezz’ora dal bivio, qualcosa di più con i bambini. Il sentiero di sinistra, invece, è quello al momento chiuso causa terremoto.

Gole dell’infernaccio con i bambini

Il percorso di per sè non è impegnativo, ma non è neppure da sottovalutare perchè presenta alcune insidie. Il fondo è abbastanza sdrucciolevole anche in estate, alcuni tratti sono da ‘scalare’; il dislivello non impegnativo in generale sale però a scatti, con alcune brevi salite e discese ripide.

Per bambini dai 5-6 anni in su abituati alla montagna, l’itinerario delle gole è assolutamente abbordabile, con un po’ di calma. Anche bambini molto piccoli possono essere portati facendo attenzione nei punti meno agevoli: sicuramente però è vietato il passeggino.

Considerate che in estate, durante i periodi di maggior affollamento come i fine settimana o in prossimità di ricorrenze, si rischia di dover parcheggiare lontano dall’ingresso del sentiero. Questo significa dovere aggiungere 30 o 40 minuti di cammino all’andata e al ritorno, portando a oltre 10 -12 Km l’itinerario completo se si raggiunge l’Eremo.

Non sono presenti luoghi attrezzati per i picnic, ma ci si può sedere lungo il torrente, sulle pietre, per un pranzo più avventuroso. Oppure, si può arrivare fino alla faggeta, dove è possibile stendere un telo. Infine: ricordate un paio di calzini di riserva e un asciugamano. L’acqua del Tenna è gelida ma resistere alla tentazione di infilarci i piedi non è proprio possibile!

Continue Reading
ciaspolata ai Sibillini

CIASPOLATA AI SIBILLINI

Fare una ciaspolata ai Sibillini significa scoprire uno dei luoghi naturalistici più belli della nostra Umbria e farlo camminando in mezzo alla neve. Un modo unico per esplorare in tutta sicurezza, le vette imbiancate e vivere delle passeggiate di grande fascino. Concedersi una ciaspolata ai Sibillini significa anche vivere e scoprire la montagna in modo diverso, divertente e rilassante.

COSA SONO LE CIASPOLE?

Le ciaspole sono delle racchette da neve che indossate, permettono di spostarsi facilmente sulla neve fresca e “galleggiare” su di essa. Non richiedono impianti di risalita e per questo sono adatte più o meno a qualunque età e ne permettono l’uso anche ai “principianti” e a chi non ha mai avuto esperienze con gli sport sciistici invernali.

Ciaspolare è un’attività salutare e poco costosa che può essere praticata anche dai bambini, ovviamente scegliendo sentieri adatti alla loro età ed esperienza. Non dimenticatevi che ciaspolare alla fine significa “camminare” pur se in modo diverso. Per quanto breve, una ciaspolata (andata e ritorno o percorso ad anello), dura almeno un paio d’ore.

Ciaspolare con i bambini: cosa serve?

In primo luogo occorre l’equipaggiamento adatto. Un abbigliamento da neve termico e degli scarponcini impermeabili. Ovviamente occorrono le ciaspole che sono noleggiabili in tutte le località dove è possibile praticare quest’attività. Le ciaspole sono regolabili e quindi bambini di già 7/ 8 anni potranno usufruire del modello da adulti opportunamente adattato al loro numero. Per bambini più piccoli esistono invece le mini ciaspole.

Da valutare sempre lo sforzo e la sollecitazione dell’articolazione, per cui si raccomanda sempre di considerarlo quando s’intende ciaspolare con i bambini così piccoli, limitandosi a piccole prove e passeggiate brevi. In ogni caso, oltre all’abbigliamento giusto, occorre scegliere percorsi e durata adatti.

Le ciaspolate in genere portano alla scoperta di percorsi segreti e piuttosto isolati, pertanto è importante munirsi di uno zainetto dove riporre acqua e altre bevande (magari calde) e qualche barretta di cioccolato. Gli esperti del settore raccomandano sempre di non avventurarsi in lunghi percorsi che richiedono molto tempo e con pendenze impegnative quando si ciaspola con i bambini. Occhio al meteo.

CIASPOLARE AI SIBILLINI

Già vi abbiamo parlato di dove poter sciare in umbria. Negli stessi luoghi potete anche agevolmente ciaspolare e, il Parco dei Monti Sibillini, in diversi versanti, è un ottimo scenario per una passeggiata sulla neve.  La stazione Bolognola Ski nel cuore del parco, permette di praticare quest’attività. In loco il noleggio di attrezzature e possibilità di lezioni e guida privata. Anche nel comprensorio di Sassotetto Santa Maria Maddalena (Sarnano) nel versante marchigiano è possibile concedersi l’esperienza di una ciaspolata. Mentre non sono praticabili i sentieri ad Arquata del Tronto, Ussita, Norcia a causa del sisma del 2016. Nel versante nord del Parco, ciaspolate sono possibili lungo il Lago di Fiastra. Quest’ultimo per l’assenza di dislivello e la lunghezza, è particolarmente adatto per i bambini; purtroppo però, spesso non è praticabile per assenza di neve.


Continue Reading