Tag Archives : ticket sanitari

esenzione-ticket

ESENZIONE TICKET SANITARI: A CHI SPETTA?

Torniamo a parlare di ticket sanitari e di tutte le opportunità di esenzione di cui poter usufruire.
Essere esente dal ticket significa poter effettuare esami diagnostici e prestazioni sanitarie e mediche senza dover sostenere nessun costo e, anche se può sembrare una piccola cosa, è pur sempre una forma di aiuto e sostegno valida e di utilità pratica, soprattutto per le famiglie con bambini che a volte possono dover ricorrere ad accertamenti e controlli.
A chi spetta l’esenzione totale? I fattori che ne determinano l’assegnazione sono diversi: età, reddito, presenza di patologie e condizione familiare.
– Sono esenti per età tutti chi ha un’età inferiore ai 6 anni o superiore a 65 e reddito familiare inferiore a 36151,89.
– Disoccupati e familiari a carico con reddito inferiore a 8263,31 elevato a 11362,05 in presenza del coniuge e di ulteriori € 516,46, per ogni figlio a carico.
– Titolari di pensioni sociali o con pensione al minimo e di età superiore ai 60 anni.
L’esenzione è attestata tramite rilascio di un certificato emesso dalle sedi Asl e per ottenerlo basta recarsi alla sede del proprio distretto con la documentazione che attesta l’esenzione, sarà poi il medico che compila la ricetta, per medicinale o prestazione, a inserire l’apposito codice di riferimento per l’esenzione e ottenere così la gratuita della prestazione.

Continue Reading

TICKET E FASCE DI REDDITO: NOVITA’ A PARTIRE DAL 1 LUGLIO 2014

Entrano in vigore dal 1 luglio le nuove disposizioni in materia di ticket e fasce di reddito che saranno inserite in automatico sulla ricetta senza possibilità di modifica da parte del cittadino.

La fascia di reddito sarà attribuita sulla base della dichiarazione dei redditi da parte del Ministero delle Finanze e sarà attestata esclusivamente dal medico o dal farmacista che compilerà la ricetta. In altre parole la ricetta uscirà già con la fascia di reddito inserita, senza possibilità di modifica da parte dell’utente e sarà sulla base di questa, che sarà conteggiato il ticket da pagare.

La prima cosa da accertare per essere in regola con la novità legislativa, è verificare la presenza del proprio nominativo e di quello degli altri membri del nucleo familiare, presso l’anagrafe del sistema TS (Sistema Tessera Sanitaria) e qualora non lo fosse, presentare l’autocertificazione o le autocertificazioni mancanti.

ATTENZIONE LA RICERCA DEVE ESSERE FATTA PER OGNI COMPONENTE DEL NUCLEO FAMILIARE.

In caso di mancata iscrizione all’anagrafe, in automatico sarà assegnata la fascia di reddito più alta con il rischio di dover pagare un ticket maggiore di quello dovuto.
Si dovrà presentare l’autocertificazione anche qualora la fascia di reddito inserita dal Sistema TS risulti diversa da quella effettiva. Per presentare l’autocertificazione, o modificare quella già risultante per variazione del reddito, e’ necessario compilare gli appositi moduli che potete scaricare entrambi QUI  o che potrete reperire presso ambulatori medici, CUP e altre sedi abilitate.

Il modello debitamente compilato, firmato e munito di documento di riconoscimento può essere inviato via mail, tramite fax e per posta ordinaria agli indirizzi di riferimento della vostra Usl, oppure essere consegnati direttamente a mano presso le sedi competenti.

 

Le fasce di reddito e le relative codifiche da inserire nel modello di autocertificazione sono le seguenti.

da € 0 a € 36151.98                R1

da € 36151.99 a € 70.000      R2

da € 70.0001 a € 100.000      R3

per redditi > di € 100.000      NON PREVISTO

 

Sarà possibile presentare l’autocertificazione o modificare l’esistente anche dopo la data del 1 luglio.

Per maggiori informazioni, per tutti i contatti e per i numeri telefonici cui chiamare per ricevere assistenza potete cliccare

QUI per Valle del Tevere, Alto Chiascio, Assisano, Lago Trasimeno e Perugino

QUI  per Foligno, Spoleto, Valnerina, Narni, Orvieto e Terni


Continue Reading